Terry Gilliam ricorda come fu finire l’ultimo film di Heath Ledger senza di lui

Tra lutto e difficoltà il regista stava per abbandonare il film, ma l'affetto per Heath cambiò tutto.

Heath Ledger

Terry Gilliam ricorda la scomparsa di Heath Ledger: “Era come se un membro della famiglia fosse morto“.

Parnassus – L’uomo che voleva ingannare il diavolo è questo il titolo dell’ultimo film a cui Heath Ledger ha preso parte come protagonista, così come Johnny Depp, Jude Law e Colin Farrell. Heath Ledger è morto prima di poter completare il film e ora, con The Man Who Killed Don Quixote finalmente uscito al cinema, Terry Gilliam ha condiviso con Entertainment Weekly i suoi pensieri sulla realizzazione del film senza Heath:

Stavo lavorando nel reparto artistico cercando di risparmiare 15.000 dollari su un set. Amy, mia figlia, è entrata e ha detto: “Devi venire in ufficio”. Ho detto: “Sono occupato”. Mi rispose, “ora”. Mi ha fatto entrare in ufficio, ed era lì sulla BBC: Heath Ledger era morto. Siamo tutti crollati e ci siamo sdraiati a terra tutto il giorno, senza sapere cosa fare. Era come se fosse morto un membro della famiglia”.

Heath Ledger

La morte di Ledger è avvenuta diversi mesi precedenti l’attesissima uscita di The Dark Knight di Christopher Nolan, per il quale l’attore ha vinto un Oscar postumo come miglior attore non protagonista. In precedenza aveva già ricevuto una nomination come miglior attore protagonista per il suo ruolo in Brokeback Mountain di Ang Lee. Per quanto riguarda Parnassus Ledger era riuscito a terminare solo le riprese in esterna, ma mancavano ancora tutte le scene in cui il personaggio si ritrova nel mondo parallelo oltre lo specchio magico. Gilliam inizialmente pensò di chiudere la produzione ma poi decise di optare per una soluzione e dedicare il film a Heath.

“Per quel che mi riguarda, ho pensato di smettere. Di buttare via tutto, il progetto, il film per due terzi girato. Poi ho reagito. “

Gilliam scelse di optare per una soluzione narrativa e far vivere ancora il personaggio di Ledger tramite altri attori. Il protagonista cambia infatti aspetto ogni volta che passa attraverso lo specchio, e così Johnny Depp, Jude Law e Colin Farrell, furono portati successivamente a completare il progetto. Gilliam è stato molto riconoscente agli attori che hanno deciso di entrare nel progetto, tutti amici di Heath che hanno voluto ricordarlo con affetto. Anche Johnny Depp si è detto onorato di ricoprire il ruolo e in una scena del film, quasi come fosse un tributo all’attore scomparso, Depp recita la battuta:

“Nulla è per sempre, neanche la morte.”

Anche se non potremo mai scoprire come sarebbe potuto essere il film con Heath sempre presente, Gilliam ha assicurato che nessun attore avrebbe potuto sostituire da solo Heath e che “quello che abbiamo è magico“. Parnassus – L’uomo che voleva ingannare il diavolo è stato presentato in anteprima al Festival di Cannes nel 2009, venendo ovviamente dedicato totalmente a Ledger.

Fonte: Entertainment Weekly