Steven Spielberg vuole escludere Netflix dai prossimi Oscar

Per Steven Spielberg, Netflix è non deve concorrere agli Oscar!

La vittoria del film Roma e di Alfonso Cuaron all’ultima cerimonia degli Oscar non è andata giù al titano del cinema Steven Spielberg.

Un portavoce della Amblin, ovvero la casa di produzione cinematografica di Steven Spielberg, ha riportato il pensiero del regista alla stampa. Le sue parole sono state riportate dal sito americano di informazione Indiewire.

 Steven sente fortemente la differenza tra lo streaming e i film per il cinema. Sarà felice se gli altri si uniranno [alla sua campagna] quando la questione verrà affrontata [alla riunione dell’Academy].

La prossima riunione si terrà ad aprile e sembra che Spielberg possa essere appoggiato da altri nella sua mozione contro Netflix agli Oscar. Lo stesso Bob Iger, presidente dell’Academy ha detto chiaramente che “serve chiarezza”.

Leggi anche: Netflix, le uscite di marzo 2019 tra Spielberg, Tarantino e molto altro

Diverse sono le lamentele di membri dell’industria cinematografica sull’integrazione del film Netflix Roma agli Oscar 2019.

Alcune lamentele sono state precisate con alcuni punti:

  • Roma è stato nelle sale degli Stati Uniti solo 3 settimane, senza quindi rispettare i 90 giorni previsti di permanenza minima
  • Netflix non fa parte dei report del Box Office
  • I film di Netflix sono disponibile in 190 paesi, 24 ore al giorno e 7 giorni su 7

Leggi anche: Netflix è il futuro o la morte del cinema? Roma di Cuarón rilancia la diatriba

I problemi di Netflix potrebbero iniziare quando ci sarà la riunione dell’Academy e Steven Spielberg sarà il leader del club dei contrari al fatto che i film in streaming siano candidati agli Oscar. Si tratta di film realizzati per la TV e non per il cinema: questo sostanzialmente potrebbe essere pensiero e la strategia di Steven Spielberg.

Il prossimo film Netflix molto atteso, anche per una vetrina agli Oscar 2020 è The Irishman di Martin Scorsese.

Leggi anche: Oscar 2019: tutti i vincitori

Scriveteci cosa ne pensate e continuate a seguirci su Lasciammiapensa.com.