Who is America?: Sacha Baron Cohen ha scoperto un giro di pedofilia

Who is America?
Condividi l'articolo

Who is America? è una serie che ha fatto delle sue controversie la sua forza, al punto che  diventa preoccupante sentire come una di queste sia stata lasciata fuori per le sue rivelazioni.

Sacha Baron Sacha Cohen ha fatto un sacco di cose folli in Who is America?, da far firmare a Dick Cheney un kit per il waterboarding, fino a far provare a Roy Moore un falso rivelatore di pedofili elettronico. Ha rivelato la faccia più oscura dell’America con interviste e situazioni scioccanti, ma ciononostante una di queste non è andata in onda. In un’intervista rilasciata a Deadline, Cohen ha affermato che durante un’intervista svolta con un concierge di Las Vegas ha realizzato quanto fosse pericoloso il tutto e ha deciso di consegnare il filmato all’FBI. Cohen ha spiegato come sono arrivati a questa intervista per Who is America?.

Volevamo indagare su come uno come Harvey Weinstein riesce a farla franca facendo quello che….farla franca con la criminalità, essenzialmente. E la rete che lo circonda. Abbiamo deciso di intervistare un concierge a Las Vegas.

Who is America?
Sacha Baron Cohen nei panni di Gio Monaldo

L’intervista è stata svolta come al solito vestendo i panni di un suo alter ego, Gio Monaldo. Il comico, nei panni di questo personaggio, ha finto di aver molestato un ragazzino per scatenare una reazione nel portiere.

Questa è una commedia estrema e abbiamo pensato che il ragazzo avrebbe lasciato la stanza. Invece, questo concierge è rimasto nella stanza e allora io ho continuato. “Devi aiutarmi a risolvere il problema”. E questo tizio inizia a consigliare Gio su come sbarazzarsi di questo problema. A un certo punto si parla anche di uccidere il ragazzo, e il portiere dice solo: “Beh, ascolta, mi dispiace davvero. In questo paese, non possiamo semplicemente affogare il ragazzo. Questa è l’America, noi non lo facciamo”. E poi, alla fine, mi mette in contatto con un avvocato che può mettere a tacere il ragazzo. E’ diventata una cosa davvero molto preoccupante.

Il concierge ha poi continuato dicendo che avrebbe potuto aiutarlo a trovare altri ragazzi nel caso avesse avuto bisogno. Il tutto ha allarmato seriamente Sacha, che è prima stato al gioco, ma ha poi consegnato il tutto all’FBI. L’attore ha immaginato che ci possa essere un giro di pedofili a Las Vegas che opera in favore di uomini facoltosi. Lo stesso concierge avrebbe lavorato per diversi uomini politici e miliardari. La cosa più scioccante di tutte però rimane un’altra. l’FBI ha deciso di non perseguirlo. Fonte: Indiewire

LEGGI ANCHE:  Sacha Baron Cohen dona 100.000 dollari alla chiesa di Jeanise Jones

Leggi anche: Dick Cheney ha autografato un kit per torture a Sacha Baron Cohen

Lo svizzero della redazione, con una passione per le grandi storie che siano del cinema o della letteratura. Nerd a 360°, divoratore di fumetti, serie TV e film di cui adora analizzare la composizione; sia della storia che delle sue immagini.