Seven, 6 curiosità sul film di David Fincher

Seven: 6 curiosità sul thriller che ci ha sconvolti nel 1995!

Seven è un film del 1995 diretto da David Fincher, e interpretato da Brad Pitt e Morgan Freeman, Kevin Spacey e Gwyneth Paltrow. Il film racconta di una coppia di poliziotti composto da un anziano ed esperto detective vicino alla pensione e da un giovane collega. I due devono indagare su un serial killer che uccide le sue vittime seguendo uno schema ben preciso basato sui sette vizi capitali. Qui vi abbiamo parlato di 13 thriller estremi sulla falsa riga del cult diretto da Fincher.

seven
Una scena dal film Seven

1) L’interrogatorio

La preparazione al ruolo di Leland Orser fu piuttosto traumatica. Nella scena dell’interrogatorio, gli fu chiesto di respirare in maniera estremamente veloce. Il suo corpo fu così sovra saturato con l’ossigeno, in modo da ottenere l’iperventilazione dell’attore. Orser ha inoltre raccontato che, per ottenere un aspetto realisticamente disorientato, si autoimpose di non dormire per giorni e giorni.  La sua interpretazione venne lodata da tutti perché riuscì a calarsi perfettamente nella parte: ora sapete a che prezzo.

2) Le parole di Fincher

Il regista David Fincher era convinto che il film non avrebbe avuto successo o, quantomeno, non sarebbe stato adatto al pubblico. Ecco cosa disse a Kevin Spacey e Brad Pitt:

“Questo non è il film per il quale sarete ricordati, ma sarete orgogliosi di averlo fatto.”

La previsione di Fincher si rivelò però sbagliata: il film, a fronte di un budget di 33 milioni di dollari, riuscì ad incassarne 327 in tutto il mondo.

3) Il braccio di Brad Pitt

Durante le riprese del film Brad Pitt, in una scena in cui insegue il killer John Doe, ha rotto un parabrezza di un’automobile col braccio ferendosi gravemente. La sceneggiatura è stata adattata in seguito a questo incidente, ma (curiosità nella curiosità) gli sceneggiatori del film avevano previsto da prima che il personaggio di Pitt si facesse male, ma all’altra mano.

4) I libri

Tutti i libri di John Doe del film sono stati scritti veramente per il film. Ci sono voluti due mesi per finirli e 15 mila dollari.

5) Taglio di capelli

Per la parte del villain, Kevin Spacey si dovette rasare a zero. Per solidarietà anche il regista David Fincher lo fece.

6) Sangue, sangue ovunque

Per la scena dell’omicidio a tema avidità, Gene Borkan, che interpretava la vittima, ha indossato solo biancheria intima per la maggior parte delle riprese. L’attore era inoltre stato coperto da oltre due litri di sangue finto. Il sangue era così denso e appiccicoso, che le sue ginocchia si erano incollate davvero al pavimento.

Leggi anche: Profumo: Storia di un assassino, 6 curiosità sul film
Leggi anche: Peaky Blinders, 8 curiosità che forse non sapevi

Seguiteci e scriveteci su Lasciammiapensa.com

Fonte: Imdb