Cannes 2018: I 20 film più attesi

0
1053

La 71ª edizione del Festival di Cannes avrà luogo a Cannes dall’8 al 19 maggio 2018.

Anche quest’anno, noi de La Scimmia Pensa, abbiamo deciso di stilare l’immancabile classifica dei film più attesi al prossimo Festival di Cannes. Questa classifica, ma sarebbe più appropriato chiamarla lista, sarà in ordine alfabetico e comprenderà 20 titoli (10 saranno soltanto segnalati poiché abbiamo scelto di parlare soltanto di quelli con più informazioni disponibili) di diverse selezioni del festival: Concorso, Fuori concorso, Un Certain regard, Quinzaine des Réalisateurs e Proiezioni speciali.

BlacKkKlansman di Spike Lee – Concorso

Dopo il caper movie Inside Man (2006) per il regista americano è incominciata una lunga parabola discendente, raggiungendo il punto più basso della sua carriera con l’anonimo e sterile Oldboy, remake dell’omonimo film di Park Chan-wook. Dal regista di Fa’la cosa giusta e La 25°ora non possiamo che aspettarci di meglio; sarà BlacKkKlansman il film del riscatto? Il cast promette benissimo: Adam Driver e John David Washington saranno i due protagonisti.

Dead Souls di Wang Bing – Proiezioni speciali

Wang Bing (uno dei più grandi documentaristi del nostro tempo) torna, a distanza di meno di un’anno dal premiato Mrs Fang, con un documentario della durata fiume di quasi 8 ore, che sembra essere una lunga testimonianza (come lo era “Fengming, A Chinese Memoir“) di coloro che sono sopravvissuti a una delle tante persecuzioni del Partito Comunista nei confronti dei dissidenti politici durante gli anni ’50. Si prospetta un’altro grande tassello in una filmografia che traccia un quadro antropologico prezioso di un Paese, la Cina, ricco di contraddizioni e perennemente costretto a fare i conti con il proprio passato.

Dogman di Matteo Garrone – Concorso

Torna sulla croisette, uno dei più grandi talenti del cinema nostrano, Matteo Garrone. Dogman narra la storia di Pietro De Negri, detto Er Canaro (deve il suo soprannome all’attività che svolgeva, il toelettatore di cani), che nel 1988 assassinò il pugile Giancarlo Ricci.
Il trailer ha incuriosito un po’ tutti e sembra ricordare, almeno nelle atmosfere, il Garrone de L’imbalsamatore e di Primo Amore.
Una curiosità: lo stesso fatto di cronaca ha ispirato il soggetto del prossimo film di Sergio Stivaletti Rabbia furiosa – Er Canaro, regista e maestro degli effetti speciali.

Livre d’image di Jean-Luc Godard – Concorso

Il ritorno del maestro francese a Cannes era già nell’aria da almeno due anni, ma come al solito dei lavori di Godard pre-uscita sappiamo ben poco. Livre d’image sembra essere sulla scia del suo ultimo capolavoro Adieu au language (che proprio a Cannes nel 2014 vinse il Premio della Giuria ex-aequo con Mommy di Xavier Dolan); Godard, giunto alla soglia degli 88 anni, non sembra aver perso quella voglia di sperimentare col linguaggio cinematografico e quella libertà visiva che lo hanno sempre contraddistinto, sin dai tempi della Nouvelle Vague e del Gruppo Dziga Vertov.

O Grande Circo Mìstico – Carlos Diegues – Proiezioni speciali

Il 2018 è anche l’anno del ritorno di Carlos Diegues, uno dei maestri del Cinema Novo brasiliano. Meno famoso in Europa dei vari: Glauber Rocha, Nelson Pereira Dos Santos e Joaquim Pedro De Andrade, ma in patria è ritenuto uno dei registi simbolo del movimento (come testimonia anche Cinema Novo, il documentario di Eryk Rocha, uscito in Italia proprio quest’anno).
Gli Knieps, fondatori del Grande Circo Mistico nel 1910, proseguono la tradizione circense fino ad arrivare a cinque generazioni. Con l’aiuto di Celavì, il maestro di cerimonie che non invecchia mai, ripensano al percorso fatto insieme.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here