10 film deprimenti che sapranno come rovinarti la giornata

Una piccola lista di consigli per chi vuole rovinarsi da solo una giornata. Dieci film tristi all'inverosimile girati da registi di grande spessore.

Condividi l'articolo

Film Deprimenti

The Eternal Sunshine of a Spotless Mind, Michel Gondry, 2004

film deprimenti

Tutti noi abbiamo avuto una stora d’amore finita male. E tutti noi abbiamo pensato, anche per un solo momento, di voler cancellare tutto. Ebbene, la sceneggiatura scritta da Kaufman racconta proprio questo: cancellare una stora appena conclusa. Jim Carey, in un ruolo atipico, si troverà quindi in balia della sua depressione da rottura e vorrà cancellare tutto ciò che lo lega alla non più sua Clementine, mostrando il bello ed il cattivo tempo della loro relazione. Il tutto giocando moltissimo con l’onirico.

Film Deprimenti

The Road, John Hillcoat, 2009

film deprimenti

In un mondo post apocalittico, devastato da non si sa bene cosa, padre e figlio dovranno viaggiare per sopravvivere alle intemperie ed all’assenza di umanità che caratterizza i pochi superstiti. Loro due, accomunati dal legame familiare, incarnano quel barlume di un sentimento ormai svanito, sovrastato dall’istinto primordiale della sopravvivenza. Ma le condizioni per tirare avanti non sono affatto le migliori. Il tiepido calore del rapporto padre figlio in un contesto dove l’uomo è arido come la terra che lo circonda.

LEGGI ANCHE:  Eternal Sunshine of the Spotless Mind: 10 cose che non sapevi
Film Deprimenti

Dancer in the Dark, Lars Von Trier, 2000

film deprimenti

Impossibile non inserire questo musical decisamente atipico per forma e contenuti. Tanto che lo stesso Von Trier lo definì antimusical. Tutto Dancer in the Dark è caratterizzato da un grottesco e perenne dramma, spezzato dalla voce di Bjork, una povera operaia cieca che sta accumulando soldi per una delicata operazione chirurgia che dovrà subire il figlio.

Film Deprimenti

Biutiful, Alejandro Inarritu, 2010

film deprimenti

La morte sta bussando insistentemente alla porta di Uxbal. Ed il suo pensiero è rivolto ai suoi figli, a lui in affidamento a causa di una madre fortemente psicotica. Deve trovare un modo per sistermali, garantirgli un futuro roseo prima della sua prematura dipartita. C’è un cancro in fase terminale che sta devastando Javier Bardem e che lo porterà in quel paesaggio innevato che caratterizza la sequenza d’apertura del film. Inarritu qui indaga la morte come in 21 Grammi, senza la sua sublimazione in vita. Un vero e poetico pugno nello stomaco.

LEGGI ANCHE:  Courtney Love: la sua bad romance con Cobain
Film Deprimenti

Her, Spike Jonze, 2013

film deprimenti

Il complicato rapporto tra uomo e tecnologia, qui analizzato da Jonze attraverso una storia d’amore tra Theodore e OS1, un’intelligenza artificiale, che si autoassegna il nome di Samantha. Il rapporto è decisamente complicato oltre che prettamente platonico tra un essere umano ed una tecnologia, inutile dirlo. Ed insieme ad esso, si diramano frustrazioni e problemi che porteranno Theodore ad iniziare questo strano amore con un qualcosa che di fatto non esiste, solo per sfuggire ad una profonda depressione che l’ha colto quando la moglie l’ha lasciato.