Ghostbusters: Slimer creato grazie alla cocaina e al fantasma di John Belushi

Il creatore di Slimer, Steve Johnson, ha recentemente rilasciato alcuni capitoli del suo nuovo libro, narrando la delirante storia della genesi del fantasma.

Slimer creato grazie alla cocaina!

Vi siete mai chiesti dove sia nata l’idea per il design dell’iconico fantasma?

Di recente il suo creatore, Steve Johnson, ha ammesso la verità: Slimer è stato creato grazie alla cocaina! 

Johnson ha recentemente condiviso alcuni capitoli del suo libro RUBBERHEAD Volume II: Sex, Drugs, and Special FX, per il quale sta attualmente cercando di reperire fondi su Kickstarter.

L’opera sarebbe il secondo atto di un’ipotetica collana composta da cinque volumi. Tramite questa mastodontica serie letteraria, Johnson promette di raccontare le più curiose e sconosciute vicissitudini che hanno costellato la sua lunga carriera.

Vi ricordiamo che l’esperto di effetti speciali ha collaborato a numerosissimi film come, ad esempio, Un lupo mannaro americano a Londra, The Howling, Nightmare 4, Blade II, Videodrome e, ovviamente Ghostbusters.

In uno dei suoi racconti, Johnson ha infatti deciso di rendere nota la delirante genesi di Slimer, ingordo e mucoso fantasma capace di smerdare il cuore di intere generazioni. Ecco la ricostruzione degli eventi secondo Johnson:

“Questa è stata la più disturbante e terribile esperienza che io abbia mai avuto lavorando con art director, produttori e registi. All’inizio mi hanno chiesto di realizzare un ‘sorriso con le braccia’ ma, prima che me ne accorgessi, era diventato un maledetto incubo sanguinolento…
‘Dagli il 13% di pathos in più, metti le orecchie, togli le orecchie, più pathos, meno pathos, fagli il naso più grande, ora è troppo grande, faglielo più piccolo…
‘Stai scherzando?’
‘Rendilo più fumoso, rendilo meno fumoso’. Mi hanno quasi fottuto il cervello durante il processo di creazione.”

L’illuminazione, per Johnson, si manifestò all’ultimo secondo. Il giorno prima della consegna, venne a sapere che Dan Ackroyd e Harold Ramis desideravano che Slimer assomigliasse a John Belushi, come tributo all’amico scomparso da poco.

CLICCA QUI PER LEGGERE IL NOSTRO TRIBUTO A JOHN BELUSHI! 

Nessuno, nei sei mesi investiti nella realizzazione del fantasma, si era preso la briga di comunicargli questo dettaglio. Esausto, Johnson decise di ricorrere a misure drastiche, rifugiandosi nella cocaina:

“Mi sparai tre grammi quella notte. La cocaina mi gettò in uno stato di delirante paranoia e sentivo che il fantasma di John Belushi era letteralmente accorso per aiutarmi.”

Johnson ha spiegato che il fantasma ha avuto parte attiva nella creazione di Slimer, incitandolo e, addirittura, modellando il prototipo per migliorarne la somiglianza. Il contributo fornito dalla droga e dall’ectoplasma pare esser stato fondamentale dato che, il giorno dopo, il modello è stato presentato ed approvato.

La parola passa a voi, amici della Scimmia: che ne pensate nella genesi di Slimer?

Fatecelo sapere nei commenti! Se la storia vi avesse colpito particolarmente, vi consigliamo di non perdervi questa NOSTRA TOP sui migliori film a tema droga!