Emma Watson parla delle molestie sessuali subite sul luogo di lavoro

"È incredibile perché io ho vissuto in pieno questo incubo, lo conosco bene"

0
53777

L’attrice Emma Watson, volto noto del movimento #TimesUp (che mira ad offrire supporto legale alle donne che hanno subito molestie sul luogo di lavoro), ha deciso di parlare delle molestie subite nel corso della sua carriera.

Come molti attori e attrici, Emma ha vestito di nero ai Golden Globes Awards, in segno di protesta e solidarietà per le iniziative volte a risolvere il problema, sempre più dilagante, delle molestie sessuali.

A dimostrazione del suo importante impegno, Emma è stata una delle 8 star che hanno invitato al loro fianco, alla cerimonia di consegna dei Globes, alcune attiviste affiché potessero indicare chiaramente la loro posizione ad un evento così in vista.
In particolare, Emma è stata accompagnata da Marai Larasi, direttore esecutivo dell’Organizzazione Imkaan, che lotta contro le violenze a donne di etnia afro-americana e minoritaria.

La Watson afferma di essere stata, come tante donne, al centro di avance non gradite ma ritiene che la sua vicenda non sia unica, visto che si tratta di un problema noto a Hollywood.

 

L’attrice, che ha dato il volto alla giovane Hermione nella saga di Harry Potter, ha confessato a Variety quanto segue:

«È straordinario perché io ho vissuto l’intero spettro di molestie. Ma ritengo che per me la cosa straordinaria è che non si tratta di qualcosa di unico, non lo sono neanche le esperienze dei miei amici, le esperienze dei miei colleghi non sono uniche. Si tratta di un problema sistemico, strutturale».

Emma Watson si dice scioccata del fatto che la maggior parte delle donne ritenga di aver subito qualche forma di molestia sessuale sul luogo di lavoro.

«Le statistiche che abbiamo ci dicono che le donne tra i 18 e i 24 anni ritengono in grande maggioranza di aver sperimentato molestie sessuali sul luogo di lavoro. Se parli con le donne capisci che la maggior parte ha avuto degli episodi, hanno qualcosa da raccontare. Siamo appena all’inizio della vicenda, stiamo scoprendo appena il velo, il che è pazzesco»

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here