Perché Obi-Wan ha “abbandonato” Luke Skywalker?

Il regista Rian Johnson spiega perché il maestro di Anakin e poi di Luke non ha fatto la sua apparizione nell'ottavo film della saga

Condividi l'articolo

“Star Wars: Gli Ultimi Jedi”, ultimo film della saga di Star Wars e dal 13 dicembre nelle sale italiane, ha destato non poche perplessità in una corposa fetta di fan. Una di queste riguarda la mancata presenza di Obi-Wan Kenobi come mentore e guida spirituale di Luke Skywalker – ruolo che svolgeva in via esclusiva ne “L’impero colpisce ancora”, e in collaborazione con Yoda ne “Il ritorno dello Jedi”.

È il regista Rian Johnson, in un’intervista a The Playlist, a spiegare il perché di tale scelta.

“Avrei desiderato avere Ewan McGregor nel film, ma è stata una questione di narrazione. Il rapporto originale con Obi-Wan ovviamente avrebbe avuto senso se Alec Guinness fosse ancora tra noi. Ma non abbiamo mai visto Luke interagire con la versione di Obi-Wan di Ewan, per cui c’è una minor empatia, una minore connessione emotiva, e il tutto sarebbe risultato forse un po’ strano.”

Alec Guinness, scomparso nel 2000, ha interpretato il maestro di Anakin e poi Luke nella trilogia originale, mentre Ewan McGregor ha ripreso i panni del personaggio nella trilogia “prequel”. Sarebbe dunque questa mancanza di un “continuum” la motivazione dietro la mancata scritturazione di Ewan McGregor – attore molto amato tra i fan della saga per la sua interpretazione.

LEGGI ANCHE:  Star Wars, la Disney blocca gli spinoff dopo il flop di Solo

Una scelta che sicuramente ha una sua logica fondata, ma che forse non farà cessare le perplessità di una buona fetta di appassionati.