Jennifer Lawrence :”ha detto che ero perfettamente scopabile”

Jennifer Lawrence :"ha detto che ero perfettamente scopabile". L'attrice racconta le sue umilianti e degradanti esperienze a Hollywood.

Condividi l'articolo

A seguito dello Scandalo Weinstein moltissime attrici di Hollywood, sulla scia di Asia Argento, si sono aperte raccontando le proprie esperienze di molestie ed abusi.

Jennifer Lawrence, durante il suo discorso al Women in Hollywood tenutosi a Los Angeles, ha parlato delle esperienze “degradanti e umilianti” che ha dovuto subire nella sua carriera.

Dopo aver ringraziato le donne che si sono aperte per denunciare gli scandali di Hollywood, l’attrice ha raccontato la storia di un produttore che le aveva chiesto di perdere almeno 6 chili in due settimane.

Una ragazza prima di me era già stata mandata via perché non aveva perso abbastanza peso.

Durante lo stesso periodo una produttrice mi ha fatto mettere nuda schierata con altre cinque attrici che erano molto, molto più magre di me. E stavamo tutte una accanto all’altra con soltanto delle protezioni per le parti intime. Dopo quell’umiliante e degradante esperienza, la produttrice mi ha detto che avrei dovuto usare delle mie foto in cui ero nuda per motivarmi per stare a dieta.

Dopo aver spiegato ad un altro produttore l’assurdità di una richiesta del genere, questi gli ha risposto che

“non sapeva perché tutti pensassero che fossi così grassa. Ha detto che per lui ero perfettamente “scopabile”

L’attrice ha anche spiegato che si era sentita in trappola a causa della posizione indifesa nella quale si trovava.

“Ho dovuto sottostare a certi trattamenti perché sentivo che lo dovevo fare per la mia carriera. Ero giovane ed era difficile per me farmi valere senza essere definita una difficile, anche se mi definirono così, ma credo che la parola che usarono fu “incubo”.

Ha aggiunto anche

“In un mondo migliore ognuno sarà trattato con lo stesso livello di rispetto. Ma finché non arriveremo a quel punto, sarò felice di prestare ascolto a tutti. Unirò la mia voce a ogni uomo, donna, bambino o bambina che sentiranno di non riuscire a proteggere loro stessi”.

Credit: Elle

 

LEGGI ANCHE:  Passengers - Recensione