Gina Carano: “Disney ha dimostrato ciò che tutti sappiamo”

Attraverso X, Gina Carano è tornata ad attaccare Disney dopo le recenti dichiarazioni della Casa di Topolino

Gina Carano in The Mandalorian
Gina Carano in The Mandalorian
Condividi l'articolo

Continua la battaglia legale tra Disney e Gina Carano

In una mozione fatta per archiviare la causa per ingiusto licenziamento e discriminazione sessuale che Gina Carano ha mosso per essere stata licenziata da The Mandalorian, Disney ha affermato che l’ex combattente di MMA ha perso il suo lavoro nella serie Star Wars nel 2021 a causa della sua decisione di “banalizzare pubblicamente l’Olocausto, paragonando le critiche ai conservatori politici all’annientamento di milioni di ebrei – in particolare, non “migliaia. Quella fu la goccia che fece traboccare il vaso”

ISCRIVETEVI AL NOSTRO CANALE WHATSAPP

L’udienza è prevista per il 12 giugno e Gina Carano è sostenuta anche da Elon Musk e dal suo pool di legali. Per Disney tuttavia il processo non deve avere luogo sulla base del fatto che Disney ha il diritto costituzionale di non associare la sua espressione artistica al discorso della Carano, poiché il Primo Emendamento fornisce una difesa completa alle rivendicazioni della Carano

 Disney ha spiegato nel dettaglio il modo in cui tutto è andato rapidamente con Gina Carano in una dichiarazione datata 9 aprile:

LEGGI ANCHE:  Thor: Love and Thunder è uno dei peggiori film Marvel secondo Rotten Tomatoes

L’utilizzo dei social media da parte di Carano è sceso al suo punto più basso il 10 febbraio 2021 – si legge nella dichairazione. Quel giorno, ha ripubblicato un post su Instagram dell’utente Warriorpriestgympodcast. Il post diceva: ‘Gli ebrei venivano picchiati per le strade, non dai soldati nazisti ma dai loro vicini…anche dai bambini. Poiché la storia è stata modificata, la maggior parte delle persone oggi non si rende conto che per arrivare al punto in cui i soldati nazisti potevano facilmente radunare migliaia di ebrei, il governo prima fece sì che i loro stessi vicini li odiassero semplicemente perché erano ebrei. In cosa è diverso dall’odiare qualcuno per le sue opinioni politiche?’

La Disney ne aveva abbastanza. Lo stesso giorno in cui Carano banalizzò grottescamente l’Olocausto paragonandolo a forti disaccordi politici, la Lucasfilm annunciò che “Gina Carano non è attualmente impiegata alla Lucasfilm e non ci sono piani per lei in futuro”. Tuttavia, i suoi post sui social media che denigrano le persone in base alle loro identità culturali e religiose sono ripugnanti e inaccettabili.’ Un mese dopo, l’ex amministratore delegato della Disney ha spiegato che le opinioni di Carano “non erano in linea con i valori dell’azienda”, inclusi i suoi “valori di rispetto, valori di decenza, valori di integrità e valori di inclusione”

La risposta di Gina Carano, tramite X, non si è fatta attendere:

LEGGI ANCHE:  Disney: i 7 film classici imperdibili [LISTA]

Disney ha confermato ciò che è tutti sapevano da sempre, ti licenzieranno se dici qualcosa con cui non sono d’accordo, anche se devono TRAVISARE, MALIGNARE per farlo. Ora hanno reso noto a tutti coloro che lavorano per loro che la Disney coglierà ogni occasione per controllare ciò che dite, ciò che pensate o tenterà di distruggere la vostra carriera. Sono lieta abbiano chiarito questo punto.

Il Primo Emendamento non consente alla Disney di discriminare in modo deliberato, che è ciò che hanno fatto nel mio caso e che francamente ora hanno ammesso di aver fatto. Se volevate sapere quali sono i “valori Disney” di oggi, ve l’hanno appena detto

Che ne pensate?

Seguiteci su LaScimmiaPensa