Sofia Coppola e i problemi delle registe donne a Hollywood

Parlando con la BBC, Sofia Coppola ha spiegato le differenze che ha nell'ottenere budget in confronto ai colleghi uomini

sofia coppola
Credits: YouTube/The Beguiled: Writer Director Sofia Coppola Behind the Scenes Movie Interview | ScreenSlam
Condividi l'articolo

Recentemente Sofia Coppola è tornata al cinema con Priscilla, film che racconta la vita della moglie di Elvis Presley e basato sul libro Elvis and Me scritto dalla stessa Priscilla. Parlando con la BBC di quesot progetto ha detto:

Sono rimasta davvero sorpresa da quanto mi sono immedesimata in questo film e da quanto vivida fosse la sua storia – spiega Sofia Coppola. Allora ho chiamato Priscilla e lei era d’accordo. Mi è piaciuto il fatto che [il libro] fosse così concentrato su di lei e sulla loro relazione e su quanto intima fosse la storia. Per me è davvero importante poter mostrare una prospettiva femminile. Sono felice che ci siano sempre più registe donne, ma è ancora una percentuale davvero piccola.

Per quanto riguarda qualsiasi paragone con Baz Luhrmann, che aveva diretto pochi mesi prima il film Elvis, Sofia Coppola dice che non stava realizzando il film in reazione al lavoro del suo collega.

LEGGI ANCHE:  Top 15 - I Film più attesi della 70° edizione del Festival di Cannes 2017

Quando ho iniziato a lavorarci, parlavano di come Baz stava realizzando il suo: “Sei sicura di volerlo fare dato che c’è già un film su Elvis?” E io ho pensato: “Ancora meglio, è così interessante che ci si concentrerà su di lui e poi un anno dopo vedremo lo stesso tipo di storia, ma dal suo punto di vista, per avere questo controbilanciamento”.

Tuttavia la Coppola ha dovuto essere creativa per produrre il suo lussuoso pezzo d’epoca con un budget relativamente basso per gli standard di Hollywood.

Vedo tutti questi uomini ricevono centinaia di milioni di dollari e poi io lotto per una piccola cifra. Penso che sia un residuo della cultura di questo business. È frustrante ma lotto sempre per ottenerlo e sono semplicemente felice di poter realizzare i miei film in modo indipendente e di trovare persone che credono in loro.

Nonostante questa frustrazione, dice che c’è anche un vantaggio nell’avere meno fondi.

C’è sfida e libertà nel fare le cose piccole, perché se hai un budget elevato, hai molti input da parte dei dirigenti dello studio, e non sarei mai in grado di realizzare un film del genere. Quindi io ho quella libertà. E poi devi essere davvero furbo ed è stato difficile, ma avevo un grande team. Siamo riusciti a riutilizzare i set e non so come abbiamo realizzato così tanti costumi! C’era tutto il personale a disposizione e capi dipartimento davvero creativi

Che ne pensate di queste parole di Sofia Coppola?

LEGGI ANCHE:  Focus: il costume nel cinema

Seguiteci su LaScimmiaPensa