Bob Iger pronto a diminuire i contenuti woke dei film

Parlando al DealBook Summit di New York, Bob Iger ha spiegato come intende cambiare i film Disney in futuro

Disney, Bob Iger
Credits: Wikimedia/Josh Hallett
Condividi l'articolo

Lo scorso novembre Bob Iger è tornato a vestire i panni di CEO di Disney trovando una situazione tutt’altro che rosea con una serie di film che sono stati un sonoro flop al botteghino, ultimo dei quali, quello di The Marvels. Parlando al New York Times DealBook Summit, l’imprenditore ha spiegato di voler invertire la tendenza dell’azienda, diminuendo il peso che i messaggi di fondo hanno rispetto alla sostanza.

I creatori hanno perso di vista quello che doveva essere il loro obiettivo numero 1 – ha detto Bob Iger al DealBook Summit di New York. Prima dobbiamo intrattenere. Non è una questione di messaggi.

Iger ha affermato che la priorità della Disney ai messaggi rispetto alla narrazione ha raggiunto il picco “mentre [lui] era via” nel 2022, alludendo agli 11 mesi in cui ha lasciato il suo lavoro come presidente esecutivo della Disney. Iger è stato responsabile degli “sforzi creativi” nel 2020 e nel 2021, anche quando Bob Chapek gestiva l’azienda come CEO.

LEGGI ANCHE:  Pirati dei Caraibi: curiosità e leggende sulla famosa saga Disney

Ci siamo divertiti con i valori e con un impatto positivo sul mondo in molti modi diversi. Black Panther ne è un ottimo esempio – ha detto. Mi piace poter intrattenere riuscendo anche a infondere messaggi positivi e ad avere un buon impatto sul mondo. Fantastico. Ma non dovrebbe essere questo l’obiettivo. Quando sono tornato, quello che ho davvero cercato di fare è tornare a le nostre radici

Iger ha recentemente spinto per migliorare la qualità dei film Disney nel 2024 e oltre. Sta riducendo il numero di film realizzati dall’azienda per concentrarsi sulla realizzazione di film migliori. All’inizio di questa settimana, ha detto ai dipendenti che creare film di successo è il modo migliore con cui l’azienda può cambiare la percezione di investitori e dipendenti.

Le azioni della Disney sono scese di oltre il 9% da quando Bob Iger ha ripreso il titolo di amministratore delegato da Bob Chapek a novembre e l’investitore attivista Nelson Peltz sta spingendo per avere un posto nel consiglio di amministrazione della società. Ma le sfide della Casa di Topolino vanno oltre la battaglia con un investitore irascibile. L’azienda si trova infatti “in condizioni peggiori di quanto Iger si rendesse conto” al suo ritorno, ha riferito Bloomberg.

LEGGI ANCHE:  Monsters and Co., arriva la serie TV sequel su Disney+

Che ne pensate?

Continuate a seguirci su LaScimmiaPensa