La società di De Niro colpevole di discriminazione di genere

La Canal Productions di Robert De Niro è stata condannata a pagare 1,2 milioni di dollari all'ex assistende del grande attore

robert de niro
Condividi l'articolo

Qualche giorno fa vi abbiamo parlato dell’esplosiva battaglia giudiziaria in corso tra Robert De Niro e la suq ex assistente, Graham Chase Robinson (qui tutti i dettagli). Ebbene, la società Canal Productions di proprietà dell’attore di Killers of The Flower Moon è stata ritenuta responsabile nel processo per discriminazione di genere. Lo stesso De Niro non è stato tuttavia ritenuto responsabile. La giuria ha stabilito che alla donna dovrebbero essere riconosciuti 1.264.285,72 dollari da Canal per danni non monetari e pecuniari.

La Robinson è stata inoltre ritenuta non responsabile della violazione del dovere fiduciario e della lealtà mentre era dipendente presso la Canal. Inizialmente aveva citato in giudizio De Niro e la società per 12 milioni di dollari per discriminazione di genere e ritorsioni ed in seguito era stata denunciata per 6 milioni di dollari con l’accusa di aver trasferito migliaia di dollari di miglia celesti sul proprio conto e di aver addebitato alla società le spese personali di cibo e di viaggio.

Siamo lieti che la giuria abbia visto ciò che abbiamo visto e abbia emesso un verdetto a favore di Chase Robinson contro la compagnia di Robert De Niro, Canal Productions – ha detto il suo avvocato David Sanford in una nota. Non solo la signora Robinson ha vinto la causa contro Canal, ma la giuria ha completamente giustificato la signora Robinson ritenendo prive di merito le affermazioni di De Niro contro di lei.

L’avvocato di De Niro, Richard Schoenstein, ha detto ai giornalisti che il verdetto era “giusto nei confronti del signor De Niro” e che la giuria “ha capito che Bob non era colpevole“, ma non ha commentato a nome della Canal Productions e non ha detto se la società intende presentare appello. Ha detto che il team legale della società probabilmente analizzerà l’importo del danno nel verdetto.

LEGGI ANCHE:  Killers of the Flower Moon - Il nuovo progetto di DiCaprio e Scorsese

Nella sua causa, la Robinson ha affermato che De Niro ha usato un linguaggio discriminatorio di genere contro di lei, come chiamarla “stronza”, e le ha chiesto di grattargli la schiena e di svolgere altri compiti al di fuori dell’ambito delle sue responsabilità lavorative. È stata assunta come sua assistente esecutiva nel 2008 e in seguito è diventata vicepresidente dello sviluppo e delle finanze della sua società Canal Productions nel 2017. Nonostante il suo titolo, la Robinson ha affermato di essere stata incaricata di compiti d’ufficio, trattata come la “moglie d’ufficio” di De Niro che le ha chiesto rammendargli i vestiti, annodargli la cravatta e abbottonargli le camicie.

Durante la sua testimonianza della scorsa settimana, ha detto che le richieste di De Niro di grattargli la schiena erano “inquietanti” e “disgustose“. La Robinson si è dimessa nel 2019 dopo essere stata incaricata di arredare la sua casa a New York di De Niro e della sua ragazza, Tiffany Chen. Ha affermato che la Chen ha influenzato De Niro a licenziarla a causa di diversi disaccordi sulla ristrutturazione della casa.

LEGGI ANCHE:  The Irishman si farà, semaforo verde da Netflix per il progetto di Scorsese

La Robinson ha anche affermato che un dipendente maschio della Canal veniva pagato più di lei, nonostante le loro responsabilità lavorative fossero uguali. De Niro ha negato la cosa, sostenendo che il dipendente maschio, il suo personal trainer, lavorava per lui da più tempo.

De Niro e il suo team hanno anche fatto causa alla Robinson, sostenendo che lei aveva addebitato sulla carta American Express della Canal Productions “migliaia di dollari in spese personali” e che aveva trasferito 450.000 dollari dalla compagnia al suo conto personale dopo essersi dimessa. Robinson ha negato queste affermazioni, sostenendo che lei e De Niro avevano un accordo secondo il quale avrebbe potuto utilizzare le miglia durante il suo impiego e spendere i pasti e il trasporto per l’azienda.

Robinson ha anche citato in giudizio De Niro per ritorsione. Ha affermato che lui si è rifiutato di scrivere le lettere di raccomandazione per le iscrizioni alle business school, non le ha pagato il licenziamento e che temeva che la sua carriera nel settore dell’intrattenimento sarebbe stata influenzata dalla causa.

Che ne pensate?

Seguiteci su LaScimmiaPensa