Breaking Bad, il personaggio di Mike nacque per caso

Rhea Seehorn ha rivelato come Mike fu creato in Breaking Bad solo per sostituire Bob Odenkirk che non era disponibile

breaking bad, mike
Condividi l'articolo

Tra i tanti motivi dell’enorme successo di Breaking Bad prima e Better Call Saul poi c’è sicuramente l’attenzione maniacale che Vince Gilligan e soci hanno messo nella scrittura dei personaggi secondari. Uno tra tutti, Mike Ehrmantraut, il burbero braccio destro di Gus Fring interpretato in modo magistrale da Jonathan Banks. Tuttavia a distanza di anni siamo venuti a scoprire che quello che è divenuto uno dei simboli dello show, non era inizialmente previsto. Durante un’ apparizione al The Rich Eisen Show, Rhea Seehorn, volto di Kim Waxler, ha rivelato che gli autori inventarono Mike a causa della temporanea assenza di Bob Odenkirk, volto di Saul Goodman.

Gli scrittori avevano previsto che Saul Goodman aiutasse Jesse (Aaron Paul) a ripulire l’appartamento e a preparare la sua storia per la polizia quando la sua ragazza Jane (Krysten Ritter) muore per overdose. Tuttavia, poiché Odenkirk era occupato quando l’episodio doveva essere girato, gli scrittori hanno improvvisato scrivendo un faccendiere che lavora per conto di Saul. Sebbene il personaggio sia stato creato al volo all’ultimo minuto, la scena ha effettivamente consolidato Mike, permettendo agli scrittori di continuare a usarlo fino a farlo diventare uno dei preferiti dai fan.

LEGGI ANCHE:  Breaking Bad in realtà virtuale: ecco il nuovo progetto di Gilligan

Bob non era disponibile per interpretare Saul Goodman che si occupa del corpo di lei, quindi è stato creato il personaggio di Mike Ehrmantraut. [Bob] stava girando qualcos’altro, e hanno scritto, che alla morte del personaggio di Krysten qualcuno venisse a pulire il corpo in modo freddo e insensibile. E questo sarebbe stato l’inizio del percorso del suo personaggio, ma lui semplicemente non era disponibile, quindi hanno inventato il personaggio di Mike Ehrmantraut.

Lo stesso Banks, parlando con il New York Times qualche tempo, ha raccontato il processo che l’ha portato a creare questo iconico personaggio divenuto una colonna di Breaking Bad prima e Better Call Saul poi.

Ho usato, in parte, persone con cui sono cresciuto, persone che temevo o rispettavo. Sai, mi suona sempre un po’ troppo drammatico quando qualcuno dice: “Il mio quartiere, sono cresciuto in questo modo, è stata dura”. Io sono stato picchiato un bel po’, ho preso un sacco di pugni in bocca.

 Ti dà una certa quantità di, non so se ti dà forza, ma non ti lascia sorpreso quando all’improvviso sei in una rissa o vieni picchiato o altro. Per quanto riguarda il Vietnam, il cecchino fa parte della vita di Mike: ho diversi amici intimi che sono andati. E uno dei miei amici è appena entrato nel cimitero di Arlington circa un mese e mezzo fa. Ci sono molti ragazzi che sono tornati che so che sono rimasti gravemente feriti dalla loro esperienza in combattimento. È qualcosa che non ho mai sperimentato: l’ho preso in prestito dalle persone che ho visto.

Che ne pensate? Potreste immaginare Breaking Bad senza Mike?

LEGGI ANCHE:  El Camino, Aaron Paul parla del suo ritorno e del futuro di Breaking Bad

Seguiteci su LaScimmiaPensa