Scorsese: “De Niro rifiutò The Departed e Gangs of New York”

Parlando con Deadline, Martin Scorsese ha rivelato che Robert De Niro ha rifiutato sia The Departed che Gangs of New York

Martin Scorsese
Credits: Wikimedia Commons/ Siebbi
Condividi l'articolo

Il prossimo ottobre arriverà al cinema Killers of the Flower Moon, nuovo film di Martin Scorsese che vedrà protagonisti Leonardo DiCaprio e Robert De Niro. Sebbene questi siano due tra gli attori preferiti del grande regista, avendo lavorato con loro rispettivamente 5 e 9 volte in precedenza, questa pellicola sarà la prima volta che li vedrà partecipare insieme. Parlando con Deadline, il cineasta ha spiegato che avrebbe voluto creare questa coppia già anni fa, ma che De Niro rifiutò.

Ho parlato con Bob di quel film [The Departed ndr], ma non ha voluto farlo. Ci sono alcune persone con cui lavoro molto perché mi sento… agli antipodi con loro, in un certo senso. Guardo indietro e mi sento abbastanza fortunato ad aver realizzato i film che ho fatto. Con “agli antipodi” intendo che nel corso degli anni ci sono stati molti attori con cui avrei voluto lavorare, ma… non mi adatto al modo di pensare dell’industria.

Ho provato. Sono stato fortunato con Paul Newman e Tom Cruise. Tutto si è incastrato bene. Ma non ho lavorato con Bob per 10 anni fino a quando abbiamo fatto Quei Bravi Ragazzi. Abbiamo preso strade diverse. Poi abbiamo fatto altri due, tre film. E poi, per altri 19 anni, non ne abbiamo fatti altri. Nel frattempo, ci sono stati due film con Daniel Day-Lewis e per anni ho voluto lavorare con Jack Nicholson, se “lavorare” è la parola giusta

Ci sono altre persone di cui non parlerò che ho provato, ma cui semplicemente non ha funzionato – prosegue Scorsese. Persone che ammiro tantissimo. Sento che mi sono perso qualcosa. Eppure quello che è successo è che ho scoperto che, a causa dell’argomento di molti dei film, sembrava esserci un livello di comfort [tra me e Bob], non facile, però, che però ci dava la sicurezza di sapere che alla fine avremmo trovato un punto d’incontro. Quel punto, non sono in grado di spiegarlo a parole, ma era la sicurezza che insieme probabilmente avremmo trovato qualcosa.

Ma ciò ha richiesto anche lunghi periodi di non lavoro insieme, perché, sai, le persone cambiano. Lui voleva ancora fare certe cose. Casino mi ha davvero consolidato. È stato l’apice, per lui e per me, parlando di quel tipo di film. Con Leo è successa poi la stessa cosa, e gran parte di questa è successa con The Aviator. C’erano alcune scene che ha fatto con Cate Blanchett che mi hanno lasciato sbalordito, ho pensato che fossero meravigliose. E lui ha imparato molto come persona, me l’ha detto.

E poi abbiamo fatto The Departed ed è sbocciato – continua Scorsese. Il personaggio che interpreta, Billy, è meraviglioso. Questo povero ragazzo si trova in mezzo alle guerre di strada. Come disse Roger Ebert nella sua recensione, “Questo film è come un esame di coscienza, quando stai sveglio tutta la notte cercando di trovare un modo per dire al prete: So che ho sbagliato, ma, oh, padre, cos’altro avrei potuto fare?” Questo era il suo personaggio, e l’ha fatto meravigliosamente. Non è un ragazzo religioso, ma ha capito la condizione umana, e quel ragazzo. Ho pensato che fosse incredibile.

Così, con Bob, dopo Casino ci siamo fermati per un po’ e ho fatto Kundun, e Al di là della vita. E poi Gangs of New York. Ci siamo sempre confrontati. Voleva che facessi Terapia e pallottole, e ho detto, “Lo abbiamo già fatto. È stato Quei Bravi Ragazzi.” Gli ho parlato di altri progetti, e ad un certo punto ha detto: “Sai che tipo di cose mi piace fare con te.” Ho detto, “OK.” Questo scambio di battute è diventato The Irishman, e ci sono voluti nove anni. Ci cercavamo sempre”. “E The Departed?” “No, non voglio farlo.” “OK.”

Che ne pensate?

LEGGI ANCHE:  Scorsese: la stessa arroganza di The Wolf of Wall Street al potere con Trump!

Seguiteci su LaScimmiaPensa