Sydney Sweeney: “Se volessi fermarmi non avrei soldi”

Parlando con The Hollywood Reporter, Sydney Sweeney ha parlato della situazione economica sua e delle sue colleghe

euphoria, Sydney Sweeney
Condividi l'articolo

Sydney Sweeney è sicuramente una delle giovani stelle emergenti. La sua performance in Euphoria l’ha portata sulla cresta dell’onda redendo probabilmente radioso il suo futuro. Tuttavia l’attrice non si sente al sicuro dal punto di vista economico. Parlando con The Hollywood Reporter, l’attrice ha infatti rivelato che il suo successo non ha influito sulla sua situazione finanziaria. 

Se volessi prendermi una pausa di sei mesi, non avrei le entrate per coprirla. Non ho nessuno che mi sostenga, non ho nessuno a cui rivolgermi per pagare le bollette o chiedere aiuto. Non pagano gli attori come una volta e, con la crescita dello streaming, restano le briciole. Le star affermate vengono comunque pagate, ma io devo dare il 5 percento al mio avvocato, il 10 percento ai miei agenti, il 3 percento o qualcosa del genere al mio manager aziendale. E poi devo pagare tutti i mesi il mio addetto stampa, una quota più alta di quella del mio mutuo – ha aggiunto Sydney Sweeney.

Questo non è tuttavia l’unico problema che l’attrice ha lamentato negli ultimi mesi. Parlando infatti The Independent lo scorso anno, la Sweeney ha raccontato come talvolta le scene di sesso, sebbene ha specificato di non parlare di quelle girare in Euphoria, l’abbiano fatta sentire a disagio.

LEGGI ANCHE:  Immaculate, la Recensione dell'horror con Sidney Sweeney

Quando un ragazzo ha una scena di sesso o mostra il suo corpo, vince premi e riceve elogi. Ma nel momento in cui lo fa una ragazza, è completamente diverso. Ho avuto esperienze in cui volevo solo andare a casa e strofinarmi completamente perché mi sentivo disgustosa… non mi sentivo a mio agio con il mio compagno di cast o con la troupe, e non pensavo che il mio personaggio lo sarebbe stato facendo quelle cose.

Sydney Sweeney aveva sottolineato che non nulla di questo era successo durante le riprese di Euphoria, dove c’è un coordinatore dell’intimità sul set che aiuta a guidare le scene di sesso.

Penso che la nudità sia importante per la trama e per il personaggio. C’è uno scopo in ciò che quel personaggio sta attraversando. Questo è il personaggio. Ci spogliamo tutti nella vita reale. Mostriamo la vita di questo personaggio e quello che sta passando. Il corpo di Cassie è una forma di comunicazione diversa per lei

Ci sono momenti in cui Cassie avrebbe dovuto essere nuda e io dicevo a Sam: “Non penso che sia necessario qui”. E lui: “OK, non ne abbiamo bisogno” Non mi sono mai sentita come se Sam mi avesse spinto o stesse cercando di inserire una scena di nudo in uno show della HBO. Quando non volevo farlo, non me le faceva fare.

Che ne pensate?

LEGGI ANCHE:  Sydney Sweeney protagonsita del video dei Rolling Stones

Seguiteci su LaScimmiaPensa