Matrix, Keanu Reeves: “Ho ancora la pillola rossa”

Parlando con i fan su Reddit, Keanu Reeves ha rivelato di aver conservato la prima pillola rossa usata nel film Matrix

matrix, professore
Condividi l'articolo

Matrix è sicuramente uno dei film più influenti della storia del cinema. Non solo ebbe il merito di creare personaggi e ambientazioni iconiche e di lanciare nel firmamento hollywodiano Keanu Reeves, ma creò anche oggetti divenuti oramai capisaldi della cultura pop, come i celeberrimi occhiali da sole o le pillole rosse utilizzate per risvegaliarsi dal torpore di Matrix ed entrare nel mondo vero. Parlando con i fan su Reddit, l’attore volto dell’Eletto Neo, ha rivelato di aver conservato la prima di quelle pastiglie che le registe, le sorelle Wachowski, gli abbiano mai dato.

Quando infatti gli è stato chiesto se avesse mai “rubato” qualcosa dai set, Reeves ha scritto: “Non rubato… l’orologio e l’anello nuziale di ‘John Wick’, una spada di ’47 Ronin’ e la prima pillola rossa che le Wachowski mi abbiano mai dato .”

Reeves ha recentemente riflettuto sull’eredità di Matrix in un’intervista del 2021 con Entertainment Tonight, dicendo:

LEGGI ANCHE:  Scadenze Netflix, ecco i titoli che verranno rimossi ad aprile 2019

È stato influente. Penso che Matrix abbia influenzato ad altri cineasti in termini di anime, movimenti di camera, azione. [Ha] iniziato a formare attori e attrici per provare a recitare più fisicamente. Penso che l’umorismo, lo stile e forse, beh, non so l’ ambizione. È difficile realizzare un film di fantascienza così divertente che parli anche di filosofia e grandi ideali”.

Nella stessa occasione Keanu Reeves ha anche parlato di un altro progetto che gli sta molto a cuore, ovvero sia Constantine 2, sequel del film del 2005 di Francis Lawrence. Imbeccato dai fan preoccupati che l’arrivo di James Gunn e Peter Safran come nuovi capi della DC possa cancellare il progetto, l’attore ha tranquillizzato i fan spiegando di aver già parlato con il regista di Guardiani della Galassia.

Che ne pensate?

Continuate a seguirci su LaScimmiaPensa