The Last of us 2, HBO rinnova la serie per la stagione 2

HBO ha rinnovato la serie tv dedicat a The Last of Us per una seconda stagione dopo il gigantesco successo della prima

the last of us
Condividi l'articolo

The Last of Us, serie TV HBO basata sul celeberrimo videogioco di casa Naughty Dog (qui la nostra recensione) è sicuramente il fenomeno televisivo del momento. I primi due episodi hanno ottenuto un gran successo sia di critica che di pubblico. E questo tanto è bastato alla casa madre di proprietà di Warner Bros per decidere di rinnovare lo show per una seconda stagione.

The Last of Us vede Pedro Pascal e Bella Ramsey nei panni dei due protagonisti Joel ed Ellie. Con loro Gabriel Luna, Anna Torv, Nico Parker, Murray Bartlett e Nick Offerman, oltre a Melanie Lynskey, Storm Reid, Merle Dandridge, Jeffrey Pierce, Lamar Johnson, Keivonn Woodard, Graham Greene, Elaine Miglia, Ashley Johnson e Troy Baker.

La serie si svolge 20 anni dopo la distruzione della civiltà moderna. Joel (Pascal), un sopravvissuto, viene ingaggiato per far uscire di nascosto Ellie, una ragazza di 14 anni, da una opprimente zona di quarantena. Quello che inizia come un piccolo lavoro diventa presto un viaggio brutale poiché i due devono attraversare gli Stati Uniti e dipendere l’uno dall’altro per la sopravvivenza.

LEGGI ANCHE:  The Last of Us, nella serie meno violenza rispetto al gioco

Sebbene lo show abbia enormi punti in comune col gioco, gli autori hanno deciso di fare degli importanti cambiamenti sulla trama. Recentemente (Spoiler alert)  il creatore del gioco e co-autore della serie Neil Druckmann, in un’intervista con Entertainment Weekly, ha spiegato il nuovo metodo di infezione introdotto nella serie.

Queste cose non devono essere violente a meno che tu non si stia combattendo per evitare che l’infenzione si diffonda ulteriormente – ha detto. Quello che abbiamo realizzato è stato fatto in questo modo bellissimo, ma orribile per Anna [Torv, interprete di Tess ndr]. Craig [Maizin, il co-showrunner] ha detto in modo intelligente: “Cosa possiamo fare per separare ancora di più i nostri infetti dagli zombi? È più di un semplice morso. Sta succedendo qualcos’altro” ha detto Druckmann. Vorrei che avessimo quel momento chiarificatore immediatamente, ma abbiamo fatto molti brainstorming su così tante cose diverse che avrebbero potuto fare. Alcune idee erano piuttosto stravaganti.

Che ne pensate? Contenti?

LEGGI ANCHE:  The Last of Us eletto miglior videogioco di sempre

Seguiteci su LaScimmiaGioca