Twitter: Elon Musk deve dimmetersi, l’ha deciso l’utenza

Su Twitter Elon Musk ha pubblicato un sondaggio chiedendo all'utenza se dovesse dimettersi. Il risultato è stato positivo

Elon Musk
Credits: TED / YouTube
Condividi l'articolo

Da quando Elon Musk ha acquistato Twitter per 44 miliardi di dollari ha portato una serie di importanti modifiche alle policy del social creando non poso malcontento tra gli utenti. Per questo motivo ha deciso di pubblicare un sondaggio sul suo account chiedendo all’utenza se dovesse dimettersi, specificando che avrebbe rispettato la volontà popolare. Hanno votato più di 17 dei suoi 122 milioni di followers. Il 57,5% si è detto favorevole a un cambio di guida al vertice di Twitter.

Dopo questo sondaggio Musk ha ancora twittato scrivendo: Coloro che bramano il potere sono quelli che meno lo meritano

Tra le decisioni prese da Elon Musk per Twitter, la più controversa è sicuramente quello relativo alle spunte blu. Ora infatti non saranno più poste dal social una volta confermata l’identità della persona, spesso molto nota, in questione, ma potranno essere acquistate da chiunque pagando la modica cifra di 8 dollari al mese. Questo servirà per aumentare gli introiti di Twitter ma ha anche un riscontro pericoloso. Infatti è facilissimo per chiunque fingere di essere di una persona famosa e veicolare fake news.

LEGGI ANCHE:  Chef Rubio attacca Kirk Douglas "Morto un grande sionista"

Il problema relativo a questa nuova versione delle spunte blu di Twitter era stato al centro di un breve diverbio online tra Elon Musk e Alexandria Ocasio-Cortez, figura portante della sinistra americana. La politica aveva infatti scritto su Twitter: mi fa molto ridere che un miliardario cerchi seriamente di vendere alla gente l’idea che la ‘libertà di espressione’ costì in realtà 8 dollari al mese in base ad un piano di abbonamento. Provocazione alla quale il magnate aveva risposto ironico Grazie del feedback, ora pagami 8 dollari

Chissà se Elon Musk è ancora convinto delle scelte prese.

Che ne pensate?

Seguiteci su LaScimmiaPensa