Plaza: “Voglio essere la versione femminile di Burton”

Parlando con GQ, Aubrey Plaza ha rivelato di ambire ad essere la versione femminile di Tim Burton

aubrey plaza
Condividi l'articolo

Tim Burton, con la sua estetica e il suo stile unici e inimtiabili è divenuto uno dei punti di riferimento assoluti del mondo del cinema. Sono moltissimi i registi che tentatno di ricreare le sue atmosfere nei suoi progetti con risultati altalenanti. L’ultima che si metterà alle prese con questa sfida è Aubrey Plaza. L’attrice di White Lotus, parlando con GQ ha infatti velato di voler essere la versione femminile di Burton in un prossimo film top secret per famiglie, che ha scritto e dirigerà. Senza dre ulteriori dettagli, l’attrice ha spiegato che l’opera canalizzerà Beetlejuice e Hocus Pocus.

La Plaza sarà inoltre protagonista della commedia d’azione di Guy Ritchie Operation Fortune: Ruse de Guerre nella quale interpreterà una “Bond al femminile”. L’attrice, insieme al co-protagonista Jason Statham cercano di superarsi l’un l’altro come agenti della CIA, con Plaza che aggiunge:

Se io sono la donna Bond, cosa fa Bond? Bond conquista la ragazza. Bond sta oggettivando tutti ed è anche un duro. Quindi ho oggettivato Statham per tutto il tempo. Letteralmente schiaffeggiandogli il sedere. Penso che fossero tutti spaventati da me. Pensavano: “Chi è questa ragazza che sta arrivando così sexy?”

Parlando del metodo che usa quando recita, qualche tempo fa, ospite del London Film Festival, aveva raccontato di quando, sul set di Nonno Scatenato, aveva spaventato Robert De Niro a causa dell’atteggiamento che stava mantenendo per restare nel personaggio.

LEGGI ANCHE:  La vita supera il cinema: l'epica storia di Steven Bradbury

All’inizio penso di essere stata davvero eccessiva. Ho fatto alcune cose discutibili che oggi non rifarei. Non avevo un vero rapporto con lui fuori dalle riprese perché è lui. Non ho avuto il tempo di conoscerlo. Si presenta in una nuvola di fumo e non c’è modo di chiacchierare con lui al distributore d’acqua. Quando arrivava, io ero nel personaggio. Il mio personaggio aveva un obiettivo: fare sesso con lui. Mi stavo comportando in modo totalmente fuori testa come avrebbe fatto il mio personaggio perché stavamo per girare. Non credo che avesse capito che non ero io. Potrebbe aver pensato che lo stavo facendo perché è un attore ed anche straordinario

Che ne pensate?