Tim Burton attacca la Disney: “Un grande orribile circo”

Ospite del Lumière Festival di Lione, Tim Burton ha criticato Disney rivelando di aver deciso di chiudere il suo rapporto con l'azienda per sempre

tim burton
Credits: YouTube/Tim Burton I Interview I TimesTalks - New York Times Events
Condividi l'articolo

Tim Burton è uno dei registi più influenti della sua generazione. Da molti anni affiliato a Disney, ha infatti iniziato la sua carriera come animatore nella Casa di Toplino prima che la Warner Bros. lo assumesse per fare il suo debutto alla regia dal vivo in Pee-Wee’s Big Adventure. È tornato a lavorare con la Disney per Ed Wood, Nightmare Before Christmas, Alice in Wonderland, Frankenweenie e, più recentemente, il remake live action di Dumbo. Tuttavia è stato proprio il lavoro sul film con protagonista l’elefantino volante che ha fatto capire al regista che era arrivato il momento di chiudere il suo rapporto con Disney.

La mia storia è iniziata co loro – ha detto Burton al Lumière Festival di Lione. Sono stato assunto e licenziato più volte durante la mia carriera lì. Il problema di Dumbo è, ed è per questo che penso che i miei giorni con la Disney sono finiti, ho capito che io ero Dumbo, che stavo lavorando in questo orribile grande circo e avevo bisogno di scappare. Quel film è abbastanza autobiografico in un certo senso

Burton ha anche condiviso i suoi pensieri sullo stato dei film di supereroi. Il Batman del 1989 ha contribuito a stabilire molti dei tropi del genere, e il regista è sorpreso da quanto influente continui ad essere.

LEGGI ANCHE:  Pirati dei Caraibi: La Vendetta di Salazar - la recensione in anteprima

È stato molto eccitante essere all’inizio di tutto. E è anche straordinario constatare come per certi versi non sia cambiato molto , il supereroe tormentato, i costumi strani ma per me al tempo è stato emozionante. Una novità, diciamo. La cosa divertente ora è che la gente dice “Cosa ne pensi del nuovo Batman?” e io inizio a ridere e piangere perché torno con una capsula del tempo a quando, praticamente ogni giorno, gli studios dicevano: “È troppo buio, è troppo buio”. Ora in confronto il mio sembra un gioco spensierato

Cosa ne pensate di queste parole di Tim Burton?