Una Settimana da Dio, nel Sequel ci sarebbe stato Satana

Steve Koren e Mark O'Keefe, co-sceneggiatori di Una Settimana da Dio, hanno raccontato le folli idee avute per il sequel mai fatto

Una settimana da dio Jim Carrey
Jim Carrey è Bruce in Una Settimana da Dio
Condividi l'articolo

Una Settimana da Dio, film del 2003 di Tom Shadyac, è uno dei più grandi successi della carriera di Jim Carrey con 484 milioni di dollari al botteghino mondiale, quindi non c’è da meravigliarsi che i co-sceneggiatori Steve Koren e Mark O’Keefe abbiano avuto un’idea per un sequel che avrebbe riportato in vita il Bruce Nolan dell’attore canadese. In una recente intervista con Syfy, i due hanno rivelato i loro piani per “Brucifer“, un sequel di Una Settimana da Dio che avrebbe visto il personaggio di Jim Carrey ottenere i poteri di Satana invece che di Dio.

Il manager [di Jim Carrey] e lui volevano fare ‘Brucifer’ – ha detto Koren. L’abbiamo presentato allo studio, ma non ha funzionato del tutto, perché è stato troppo tardi. Sarebbe stato un altro film gigantesco e non credo che volessero farlo. Semplicemente non ha funzionato per qualche motivo, ma molte persone hanno adorato l’idea, incluso Jim.

Il film avrebbe visto Bruce passare al lato oscuro dopo la morte di Grace, la sua storica fidanzata interpretata da Jennifer Aniston.

LEGGI ANCHE:  Jim Carrey festeggia i 60 anni "sdentato" su Twitter: "Sono sexy" [VIDEO]

Si tende a perdere la fede quando il mondo sembra ingiusto, ed è quello che gli è succeso – ha proseguito Koren. Era una situazione seria, ma lo avremmo scritto in un modo molto amichevole. Di certo non volevamo deprimere le persone. Quindi penso che questo abbia un po’ spaventato [lo studio], ma a merito di Jim, ha capito perfettamente che avremmo fatto una grande commedia e ha pensato che tutti si sarebbero connessi con la storia

Bruce avrebbe usato i suoi poteri da Satana per riportare Grace dalla morte:

Ricordo che quando l’abbiamo proposto, [Jim] stava ridendo a crepapelle. Perché l’avremmo fatta tornare come Jennifer Aniston. Ma lui ha detto: “No, prima deve sembrare uno zombie e poi la renderemo di nuovo bella”. Abbiamo pensato che fosse geniale.

Sarebbero state le Prove di Giobbe, essenzialmente – ha aggiunto O’Keefe. Le cose non erano andate bene da quando era stato Dio. Tutto è stato fantastico per un po’; era sposato e poi tutto è andato in pezzi. Stava ancora una volta mettendo in discussione tutto e poi ha trovato un modo diverso per risolvere le cose.

O’Keefe in seguito ha descritto “Brucifer” come “il sequel più conveniente che si possa immaginare”

Temi totalmente diversi, ovviamente, ma i ritmi piacciono a tutti.

Che ne pensate?

LEGGI ANCHE:  I 10 film iconici per i bambini degli anni 90'