Breaking Bad, Esposito inizialmente rifiutò il ruolo di Gus

Al Toronto Comicon del 2014, Giancarlo Esposito ha raccontato di aver inizialmente rifiutato il ruolo di Gus in Breaking Bad

breaking bad
Condividi l'articolo

Giancarlo Esposito è oramai un attore affermato ed amatissimo. Il suo gigantesco e imperituro successo deriva soprattutto dall’inquitante interpretazione che fece di Gus Fring, terrificante e allo stesso tempo ammaliante personaggio apparso in Breaking Bad prima e in Better Call Saul poi. Tuttavia l’attore inizialmente rifiutò il ruolo del direttore de Los Pollos Hermanos perchè temeva che Gus sarebbe stato ucciso troppo in fretta e non voleva essere solo un ospite.

All’epoca non conoscevo lo show – disse ospite del Toronto Comicon nel 2014. Ho chiesto di vedere un episodio e sono rimasto davvero colpito dalla qualità e dalla sceneggiatura. A quel punto, avevo fatto così tanti spot nella mia vita che volevo essere parte di una famiglia. Non ero alla ricerca di un altro posto come ospite. E credo, poiché sono più esperto, l’atteggiamento che ho assunto è stato quello di spiegare che avrei potuto dedicarmi allo show, aggiungendo qualcosa, ma dovevano anche mostrarmi dedizione. E loro hanno risposto a questa richiesta

Fortunatamente Gilligan e soci non si sono fatti scappare la possibilità di ingaggiare a lungo termine Giancarlo Esposito che si è trasformato in uno dei villain migliori non solo di Breaking Bad, ma della storia delle televisione in generale. L’attore inoltre, durante una recente intervista con Esquire, aveva spiegato di avere in mente la trama di una possibile serie prequel che ripercorra il passato di Gus.

LEGGI ANCHE:  Breaking Bad diventa un gioco da tavolo, ecco il Monopoly a base di Meth

Ho tutta la trama nella mia testa legata al fatto ches provenga da una realtà politica – aveva detto Esposito. Penso che Gus provenga da un mondo dominato dall’ordine. E che il suo ordine sia arrivato. Era un militare. Fuori dall’esercito, ha acquisito la capacità di osservare. Non puoi essere un capo se non sei capace di seguire gli altri.

Nel mio cervello, occupava una posizione di alto rango in un governo militare. Avrebbe potuto rimanere lì e dirigere il paese. Gli è stata offerta questa possibilità. Ma ha scelto un percorso diverso per essere se stesso e per trovare il proprio potere, indipendentemente da ciò che gli era stato offerto. Questo è quello che ha scelto. 

Che ne pensate?

Seguiteci su LaScimmiaPensa