Stranger Things, Modine: “Volli capelli bianchi su Brenner”

Parlando col Guardian, Matthew Modine ha rivelato come ha creato il Dottor Brenner, personaggio che interpreta in Stranger Things

stranger things
Condividi l'articolo

Tra i personaggi più interessanti mai apparsi in Stranger Things c’è sicuramente il dottor Brenner, folle scienziato alla continua ricerca di bambini speciali da utilizzare a suo piacimento. E il fatto che sia interpretato da un assoluto fenomeno qual è Matthew Modine ha aiutato e non poco a creare questo personaggio così amato e temuto. Parlando col Guardian, il grande attore volto del soldato Joker in Full Metal Jacket, ha raccontato di come inizialmente non volesse prendere parte a Stranger Things.

Non volevo farlo. I Duffer Brothers continuavano a dirmi: “Sarà davvero un personaggio importante”. Non mi hanno mai detto che rapiva bambini. Ho detto di no, ma hanno continuato a chiamarmi e mi hanno reso davvero difficile continuare a rifiutare.Ho risposto alla loro passione e lui è diventato un personaggio davvero interessante e complesso.

Andando avanti con l’intervista, Modine ha parlato di come ha plasmato il suo Dottor Brenner.

Quando hanno descritto il mio personaggio, avevala barba lunga, stivali da lavoro e una camicia di flanella. E aveva molti dialoghi espositivi, che un attore non vorrebbe mai. Quando alla fine ho detto di sì, ho detto, voglio tingermi i capelli di bianco perché i personaggi malvagi negli anime giapponesi hanno sempre i capelli bianchi e voglio indossare un vestito come Cary Grant in Intrigo internazionale, dove se cado, quando mi rialzo,è pulito. E dai tutti quei dialoghi alle persone intorno a me. Hanno detto di sì a tutto questo. La sua calmava lo rendeva molto più interessante.

Infine ha parlato del suo rapporto con Millie Bobby Brown.

LEGGI ANCHE:  Stranger Things 2: ecco il primo teaser della seconda stagione

Il mio desiderio era proteggerla. Quando ero un giovane attore, se avessi preso parte a uno show che ha avuto successo in 20 o 30 territori in tutto il mondo, sarebbe stato incredibile. Netflix è in più di 190 territori. Ciò a cui Millie e la sua generazione sono state esposte attraverso lo streaming è una sorta di celebrità e potere che è più grande di qualsiasi altra cosa nell’industria dell’intrattenimento precedente. È un ottovolante: ci sono alti e bassi. L’adorazione e l’amore non sono reali, ma nasce daper qualcosa che hai creato e può essere devastante.

Che ne pensate?