Fedez si confessa: “Il Cancro mi ha reso peggiore”

Durante il podcast Muschio Selvaggio, Fedez ha parlato del cancro che ha avuto spiegando come l'abbia reso una persona peggiore

fedez, cancro, pancreas
Credits: YouTube/ Nei momenti difficili, la famiglia è fondamentale ❤️🤞- The Ferragnez 17/03/22 - IG STORIES The Ferragnez
Condividi l'articolo

Come sappiamo Fedez nell’ultimo anno ha combattuto una battaglia contro il cancro. Il rapper milanese ha infatti subito un’operazione per rimuovere un tumore neoendocrino al pancreas. A distanza di qualche mese da quei giorni complicati, il cantante è tornato a parlare della malattia, spiegando che l’ha reso una persona peggiore

Il tumore mi ha reso una persona peggiore – ha detto nel podcast su YouTube Muschio Selvaggio. Dicono che il cancro fa scoprire il senso della vita, ma col ca**o. Quando mi sono ammalato di cancro la narrazione che nella mia testa doveva esserci era: ho avuto il cancro e di conseguenza questa esperienza mi migliorerà come essere umano. Ma chi ca**o lo ha detto?.

Ti dicono che quando ti ammali scopri il vero senso della vita, ma col c…., la mia vita è peggiorata, sono diventato depresso e sono diventato un essere umano peggiore io, dopo il cancro. Ed è questa la figata del mio cancro. Perché dovrei essere una persona migliore?

Fedez aveva parlato della sua malattia anche lo scorso Luglio quando aveva raccontato di come, nel momento di massima debolezza, lo abbiano avvicinato i Testimoni di Geova.

LEGGI ANCHE:  Fedez e la telefonata con la Rai, la replica: "Sono stati operati tagli"

Non avete idea di quante lettere dei Testimoni di Geova e di altri gruppi religiosi mi sono arrivate. Mi inviano i coupon perché sanno che ho un tumore – aveva raccontato il cantante durante una diretta Instagram nella quale ha risposto alle domande dei fan. Quando mi chiedete perché non mi sono avvicinato a Dio è perché Dio ha tentato di avvicinarsi a me con dei coupon promozionali perché i suoi testimonial sapevano che avevo un tumore

Approfittarsi di un momento di debolezza, nemmeno con una lettera scritta a mano, ma con un coupon. Come a dire: “Fai parte del nostro gruppo religioso”. Vaffan*ulo, va’.

Che ne pensate?

Continuate a seguirci su LaScimmiaSente per altre news, recensioni e approfondimenti sul mondo della musica.