Bruce Springsteen: perché è chiamato The Boss? Ecco da dove viene il soprannome

Bruce
Condividi l'articolo

Tutti conoscono Bruce Springsteen anche con il soprannome The Boss, ma perché viene chiamato così? Ve lo spieghiamo noi

Per tutti e un po’ da sempre Bruce Springsteen è anche il Boss (The Boss). Così viene affettuosamente chiamato dalle schiere di fan ma anche da chi lo conosce appena o da chi ha magari ascoltato solo i suoi album più importanti come Born to Run (1975) e Born in the U.S.A. (1984). Uno dei soprannomi più noti e utilizzati nel panorama musicale.

Ma come mai il cantante viene chiamato così, ve lo siete mai chiesto? Si potrebbe pensare, e giustamente, che il soprannome derivi dalla sua indole carismatica e dal fatto che sia sempre stato il leader di fatto della sua E-Street Band, per non parlare della sua capacità di ammaliare platee intere con grande forza di carattere.

Ma il motivo è molto più concreto di quel che si potrebbe pensare, e risale manco a dirlo ai suoi primi anni di attività con la band. Ne parla Andrew Delahunty, autore di diversi libri a tema soprannomi: “Nei primi giorni in cui lui e la E-Street Band suonavano in piccoli locali, il lavoro di Bruce era di raccogliere i soldi e pagare il resto della band”.

LEGGI ANCHE:  Bruce Springsteen: "Se vince Trump scappo in Australia"

Un’altra teoria, proposta da Peter Carlin in una biografia del 2012, sostiene che il soprannome sarebbe stato auto-attribuito da Springsteen a sé stesso durante delle partite settimanali a Monopoly ad Astubury Park nei primi anni ’70. Bruce portava sempre con sé a queste partite infatti una gran quantità di dolci, e questo aveva un effetto deleterio sullo stomaco di tutti quanti.

Risultato: la band aveva iniziato a chiamarlo Gut Bomb King (Re Bomba di Stomaco). Ve lo immaginate se ancora oggi fosse famoso così? Per fortuna il nome “alternativo” da lui proposto ha preso piede e ci ha pensato poi anche il buon vecchio Steven Van Zandt a portarlo sul palco e ai concerti.

Ma è un caso questo nel quale non conta tanto l’origine del soprannome quanto il fatto che con gli anni si sia rivelato perfettamente calzante. Come una profezia che si auto-avvera, infatti, Springsteen è diventato davvero The Boss a tutti gli effetti e non soltanto perché era storicamente il responsabile delle finanze della sua band.

LEGGI ANCHE:  Bruce Springsteen contro Donald Trump: "Mettiti una fott*ta mascherina"

No, Bruce si è sudato il soprannome sui palchi di tutto il mondo per cinquant’anni e più di onorata carriera, con decine di album leggendari e guidando del resto sempre (e lasciando poco spazio agli altri del resto, con buona pace della sua band, felice di seguirlo) la direzione musicale della E-Street Band.

A provarlo ci sono anche tutte le sue leggendarie canzoni e lo straordinario vigore con il quale le ha sempre interpretate, conferendo loro caratteri unici. Il Boss quindi Springsteen era e resterà. In un qualche modo tutto suo, l’artista emana ancora quel carisma di ferro dei tempi di quelle antiche partite a Monopoly.

Fonte: Far Out Magazine

Continuate a seguirci su LaScimmiaSente