I Simpson incontrano Death Note nello speciale di Halloween

Nello speciale di Halloween di quest'anno, I Simpson diventeranno per la prima volta un'anime omaggiando Death Note

Homer
Credits: YouTube
Condividi l'articolo

Oramai è divenuta una tradizione intramontabile. Quando arriva ad Halloween, con lui arriva anche La paura fa novanta, speciali episodi de I Simpson a tema horror creati appositamente per celebrare uno dei momenti più attesi dell’anno. In questo 2022 gli sceneggiatori hanno voluto, tuttavia, davvero esagerare. L’evento sarà diviso in due parti. La prima è una parodia completa It , andata in onda la scorsa settimana. Mentre nella seconda, prevista per la Notte delle Streghe, le avventure della gialla famiglia più celebre al mondo per la prima volta diventeranno un anime e per farlo omaggeranno niente meno che Death Note.

Nelle prime immagini mostrate, Homer, Marge, Lisa e Bart ottengono un nuovo design mentre si trasformano in caratteristici personaggi anime dai capelli a punta. Dal momento che i colori dei capelli non comuni sono abbastanza normali nelle serie anime, i capelli blu di Marge non sembrano affatto fuori posto e sembra che Homer stia passando dalla birra Duff al sake per ubriacarsi. La parodia di Death Note vedrà Lisa Simpson sostituire il protagonista Light Yagami mentre scopre i segreti di un taccuino mortale, mentre Bart assume la forma di un dio della morte malizioso.

LEGGI ANCHE:  Apu cancellato da I Simpson per accuse di razzismo?

A luglio, il produttore esecutivo di lunga data della de I Simpson, Matt Selman aveva parlato con Entertainment Weekly del nuovo La paura fa novanta e aveva anticipato che la tendenza dello speciale è quella di diventare più grande e ambizioso:

La paura fa novanta è il nostro episodio più popolare dell’anno. Siamo stanchi di essere vincolati dalle storie di sei minuti. È così difficile raccontare una storia completa. In effetti, potremmo a malapena fare la parodia di “It” [parodia nel formato di mezz’ora]. La gente ama davvero così tanto queste cose, quindi perché non espandere il marchio

Che ne pensate?