Gary Oldman confessa: “Mi piacerebbe lavorare con Sorrentino”

Ospite dell'edizione 2022 del Giffoni FIlm Festival, Gary Oldman ha espresso il suo desiderio di lavorare con Paolo Sorrentino

gary oldman, sorrentino
Credits: Wikipedia/ Pietro Luca Cassarino
Condividi l'articolo

Gary Oldman, uno dei più grandi attori viventi, è stato ospite dell’edizione 2022 del Giffoni Film Festival dove è stato onorato col Premio François Truffaut, il più prestigioco riconoscimento che si possa ottenere in questa amata manifestazione. Intervistato da Repubblica durante l’evento, il volto di Winston Churchill in L’Ora più Buia, ha parlato del suo rapporto col cinema.

Ma mi sono innamorato fin da bambino del cinema, ho sempre amato i film, ma poi ho visto il primo spettacolo teatrale e ho semplicemente pensato che fosse la cosa più eccitante ma vista nella vita. Nelle scuole che frequentavo non c’erano lezioni di recitazione, ma quando ho venduto la mia prima opera sono rimasto affascinato: è questo che voglio fare. Tutto questo è andato al di là di ogni mio sogno più sfrenato

L’attore ha poi esaltato la performance di Austin Butler in Elvis.

Ho visto Elvis l’altra sera: Austin Butler è un miracolo, incredibile. Ci sono momenti in cui ha così tanto carisma che ti dimentichi di guardare un attore e ti senti come se stessi guardando Elvis Presley. Austin ha un’aura speciale, una qualità che non si costruisce. Ci sono tecniche che puoi imparare, ed è vero che più ti dedichi a qualcosa e più migliori. Ma alla fine non credo che tu possa recitare il fascino

Gary Oldman ha poi parlato del suo rapporto con Francis Ford Coppola, regista che lo ha diretto nel 1992 nei panni di Dracula.

LEGGI ANCHE:  Mank | Recensione del nuovo film Netflix di David Fincher e Gary Oldman

Francis è probabilmente è il più grande regista americano vivente, basta guardare alla sua filmografia. Ogni volta, negli anni, che mi è capitato di parlare agli studenti di cinema ho sempre detto loro: se vuoi un masterclass in recitazione cinematografica, regia, scenografia, costumi, personaggi, solo allora guardi Il Padrino, seconda parte. È un capolavoro. E poi L’uomo della pioggia, La conversazione, Apocalypse now. Mi considero fortunato ad essere stato il suo Dracula, sono sempre stato un suo grande ammiratore.

Il grande attore ha infine espresso il desiderio di lavorare con Paolo Sorretino in futuro.

 Sono stato fortunato in una carriera ad aver lavorato con Oliver Stone, Chris Nolan, Stephen Frears, Francis Ford Coppola, Luc Besson. Ora, lasci che le faccia una domanda: Paolo Sorrentino, ecco con chi vorrei lavorare. Glielo può far sapere?

Che ne pensate?