Kevin Spacey è stato licenziato dopo le nuove accuse di violenza sessuale

Kevin Spacey è stato licenziato dal film 1242: Gateway to the West a seguito delle recenti accuse di violenza sessuale

kevin spacey
Kevin Spacey in 21
Condividi l'articolo

Come saprete, Kevin Spacey avrebbe dovuto recitare in 1242: Gateway to the West, dramma storico diretto da Péter Soós che è stato acquistato al mercato cinematografico di Cannes. Nel film avrebbe interpretato un sant’uomo di un castello ungherese che cerca di impedire a uno degli eserciti di Gengis Khan di invadere l’Europa.

Tuttavia l’attore ha perso il proprio ruolo dopo essere stato accusato nel Regno Unito di quattro capi di imputazione per aggressione sessuale e di “aver forzato una persona a impegnarsi in attività sessuali penetranti senza consenso”. Per questo motivo il produttore del film Bill Chamberlain della Chelsea Pictures, ha detto dice a Variety di aver sostituito Spacey come protagonista. L’attore si è dichiarato non colpevole di tutti e cinque i capi di accusa. Sarà processato nel Regno Unito il 6 giugno 2023.

Si ritiene che almeno alcune delle accuse derivino dal tempo trascorso da Spacey all’Old Vic Theatre di Londra, dove è stato direttore artistico dal 2004 al 2015. A seguito di una cascata di accuse di aggressione sessuale contro l’attore negli Stati Uniti, il teatro ha intrapreso un’indagine interna. Questa, secondo la BBC, ha portato 20 vittime a farsi avanti. Queste hanno affermato come l’attore si sia comportato in modo inappropriato nei loro confronti.

LEGGI ANCHE:  5 film belli con titoli improbabili

Kevin Spacey rimane invece al suo posto nel ruolo di protagonista nel thriller di Michael Zaiko Hall Peter Five Eight. I produttori del film si sono infatti schierati con lui a seguito delle accuse.

Ci sono quelli che desiderano che non reciti, ma sono in inferiorità numerica rispetto ai fan di tutto il mondo che aspettano che un artista che hanno apprezzato per decenni torni sullo schermo – hanno affermato i produttori in una nota. La produzione non è a conoscenza o commenta le varie accuse vorticose. Crede inoltre che sia una questione che spetta ai tribunali determinare la validità se esiste. Peter Five Eight è un film per i fan che si preoccupano più dell’arte che dello scandalo

Che ne pensate?

Avatar di Matteo Furina
In teoria sono un giornalista. In pratica scrivo di cose belle su un sito bellissimo. Perchè dai, nessuno è più fico della Scimmia.