Il sosia di Zelensky scappa dall’Ucraina con l’aiuto del sosia di Putin

Una storia che ha dell'incredibile quella accaduta a Umid Isabaev, imitatore 41enne del presidente ucraino che sta in questo momento difendendo il suo paese.

Zelensky
Condividi l'articolo

Stiamo vivendo uno dei periodi più bui degli ultimi anni a livello politico, con l’Ucraina messa a ferro e fuoco dalla Russia che sta cercando di conquistarla e il presidente ucraino Zelensky che continua strenuamente a combattere a difendersi da Vladimir Putin. Fin dall’inizio, il capo di stato aveva spiegato di essere il bersaglio numero uno di Mosca, ma che non avrebbe mai lasciato il suo paese in balia dell’invasore (anche perché portarlo via non sarebbe stato così facile in realtà).

Mentre la battaglia infuria, per cercare di allietare un po’ questa tensione diffusa, vi parliamo di una notizia umoristica che ha dell’incredibile. Come riportato dal The Washington Post, infatti, un imitatore di 41 anni proprio di Zelensky, tale Umid Isabaev, è riuscito a fuggire proprio dall’Ucraina con degli aiuti realmente insoliti! L’artista, che si è trovato costretto a scappare visto che il conflitto si sta rendendo più accesso e lui ha la sfortuna di somigliare al leader più fragile del momento, si è fatto aiutare da due sosia d’eccezione.

LEGGI ANCHE:  The Putin Interviews: Oliver Stone intervista il leader russo in un documentario

In particolare quelli proprio di Kim Jong-un e Vladimir Putin, rispettivamente Howard X (che non ha voluto fornire altri dettagli sulla sua identità) e Steve Poland. L’idea del supporto è arrivata proprio dal falso leader nordcoreano che ironicamente aveva spiegato tempo fa che “le dittature non hanno senso dell’umorismo”. Una situazione pericolosa che Howard ha deciso di risolvere pagando di tasca propria il viaggio di addio dall’Ucraina a Isabaev per farlo spostare verso la Polonia.

Durante tutta questa insolita traversata, Poland è rimasto in contatto con il falso Zelensky che ha ricevuto anche diverse minacce da alcuni gruppi di hacker. Una volta arrivato sano e salvo in Polonia, con un alloggio pagato sempre dal generoso Howard X, Umid si è visto con Steve e insieme si sono presi una birra, hanno discusso sulla guerra e almeno loro hanno fatto due chiacchiere tra amici.