Bruce Willis e gli ultimi tragici anni sul set

Il Los Angeles Times sembra aver rivelato sconcertanti dettagli sulla vicenda.

Bruce Willis, ritiro, afasia
Condividi l'articolo

Bruce Willis, purtroppo, negli ultimi giorni sta passando un momento non certo felice della sua carriera: come annunciato dalla ex-moglie Demi Moore, l’attore soffre di un disturbo al cervello, l’afasia, che lo ha portato alla decisione di abbandonare le scene. Mentre stanno arrivando tanti messaggi di supporto da colleghi vicini alla star, il sito GQ, riportando un articolo del Los Angeles Times, sembra aver rivelato dettagli inquietanti sulla tragica vicenda che sta vivendo l’attore.

Difatti, pare che il malanno che sta affliggendo Bruce Willis fosse una cosa nota a molti che hanno lavorato con lui negli ultimi sprazzi della sua vita lavorativa. L’autorevole testata ha raccolto diverse testimonianze di colleghi che hanno collaborato con Willis nei recenti 22 film, in un arco brevissimo di quattro anni che lo hanno portato ad ottenere una ridicola categoria ai Razzie Awards, ora ritirata.

Bruce Willis

Il regista che lo ha diretto in Out of Death, Mike Burns, ha spiegato che il divo appariva per poco tempo su schermo, faceva pubblicità ai film e raccoglieva un grosso stipendio e piano piano le sue battute diminuivano a causa della malattia. Insomma, i produttori hanno sfruttato la sua difficile situazione, ma non è finita qui. Sembra che ci fossero due figure vicine a Bruce Willis, che venivano pagate 4000 dollari a settimana, per aiutarlo a ricordare il copione, mentre la sua figura era assimilabile ad un burattino.

LEGGI ANCHE:  Bruce Willis si Ritira dal Cinema dopo la diagnosi di Afasia [FOTO]

Se poi aggiungiamo la mancata accensione di un’arma di scena nel 2020, durante le riprese di Hard Kill e i suoi diversi tentativi di sforzarsi a recitare al meglio, sembra che realmente l’artista abbia trascorso gli ultimi anni da incubo. Non è ancora chiaro cosa abbia scatenato il disturbo, solitamente correlato a malattie del cervello o ad ictus, e ci auguriamo che, con l’aiuto di un logopedista e di esercizi di dizione, Bruce Willis possa almeno tornare a vivere una vita serena.