La Rappresentante di Lista, la band di Ciao Ciao: chi sono e perché si chiamano così

Rappresentante
Credits: Rai
Condividi l'articolo

Ora che hanno conquistato tutti con la loro Ciao Ciao, ce lo si chiede un po’ ovunque: da dove viene il nome de La Rappresentante di Lista?

La Rappresentante di Lista è una formazione attiva sulla scena musicale da oltre un decennio, e il loro primo album risale al 2014. Eppure, come spesso accade, il grande pubblico sta iniziando ad accorgersi di loro solo dopo due partecipazioni di fila al Festival di Sanremo. L’ultima, di quest’anno con il già tormentone Ciao Ciao, avrebbe certamente meritato un risultato migliore.

In ogni caso, già tutti cantano la canzone Sanremese della coppia e nel mezzo della ritrovata fama nazionale per i due cominciano a circolare domande e curiosità su di loro. Una su tutte: come mai questo nome particolare? Certo, sappiamo che la scena indie abbonda di nomi strambi, da i Pinguini Tattici Nucleari ad Eugenio in Via di Gioia e fino a Tutti Fenomeni.

Per quanto riguarda però il nome adottato da Veronica Lucchesi e Dario Mangiarancina, la spiegazione è molto più semplice di quanto si potrebbe pensare. Risale al 2011, periodo nel quale Veronica (nativa di Pisa), si trovava a lavorare a un laboratorio teatrale a Palermo. Propro lì incontrò Dario e nacque il desiderio di mettere su un progetto musicale.

LEGGI ANCHE:  La Rappresentante di Lista: Veronica insegna il balletto di Ciao Ciao [VIDEO]

Il 2011, come ricorderete, fu anche l’anno del referendum per il nucleare. E per poter votare da fuori sede, Veronica si improvvisò come rappresentante di lista, appunto, per uno dei partiti politici. E il nome è rimasto. Raccontava Mangiarancina, all’epoca dell’uscita del loro primo album: “L’idea ci divertiva, ci scherzavamo sopra”.

“Un giorno Veronica ha proposto un verso per una canzone che dice ‘Quando passo in via degli uomini mi sento sempre la protagonista’ e io ho rilanciato con ‘Alle prossime elezioni sarò io la rappresentante di lista‘. Grasse risate, ma poi l’abbiamo tenuto”. Nel corso degli anni, il nome ha funzionato ed è divenuto sempre più noto.

Dalle origini con un indie artistico e teatrale, fino alle moderne sperimentazioni (it)pop ironiche e sensuali, La Rappresentante di Lista s’è fatta largo nella scena italiana con una serie di album uno più riuscito dell’altro. L’ultimo, My Mamma, risale al 2021 e riprova la validità del progetto musicale in ingresso nella nuova decade.

LEGGI ANCHE:  La Rappresentante di Lista: Ciao Ciao, spiegazione e significato [VIDEO]

Fonte: Lenius

Continuate a seguirci su LaScimmiaSente