È stata la mano di Dio, Sorrentino commenta la nomination agli Oscar

Parlando con Ansa, Paolo Sorrentino ha commentato la candidatura del suo È stata la mano di Dio ai prossimi premi Oscar

è stata la mano di dio
Condividi l'articolo

Ieri sono state rese pubbliche le Nomination dell’edizione 2022 dei Premi Oscar. Nella categoria per miglior film straniero è rientrato anche È stata la mano di Dio, nuovo film di Paolo Sorrentino (qui la lista completa). Il grande regista campano è stato raggiunto da Ansa per commentare questo incredibile risultato, ed ha dichiarato:

Sono felicissimo di questa nomination. Per me è già una grande vittoria. E un motivo di commozione, perché è un riconoscimento prestigioso ai temi del film, che sono le cose in cui credo: l’ironia, la libertà, la tolleranza, il dolore, la spensieratezza, la volontà, il futuro, Napoli e mia madre. Per arrivare fin qui, c’è stato bisogno di un enorme lavoro di squadra. Dunque, devo ringraziare Netflix, Fremantle, The Apartment, gli attori straordinari e una troupe indimenticabile.  E poi i miei figli e mia moglie, che mi amano nel più bello dei modi: senza mai prendermi sul serio

Sorrentino aveva parlato di questo argomento qualche giorno fa a Variety Variety, spiegando che una sua nuova candidatura con È stata la mano di Dio non avrebbero fatto altro che certificare quella con cui vinse nel 2014 grazie a La Grande Bellezza.

È un grande onore e una grande responsabilità rappresentare ancora una volta il mio Paese. Essere candidato per la seconda volta mi riempie di gioia perché significa che la prima volta non è stato solo un colpo di fortuna. Questa seconda candidatura indica continuità nel mio lavoro e uno standard quantomeno dignitoso.La campagna degli Oscar è molto stimolante e divertente. Ma allo stesso tempo è faticoso e richiede molto lavoro. Viaggi molto e cambi posto molto velocemente. La parte più complicata di quest’anno, purtroppo, ha a che fare con le limitazioni dovute alla pandemia.

Non possiamo che congratularci con Paolo Sorrentino e attendere con ansia il 27 marzo per fare il tifo per lui!

LEGGI ANCHE:  Netflix v Cannes: continua il dibattito, intervengono Almodovar e Will Smith