Nastri d’Argento, Dogman vince tutto: 8 premi

Premiati anche Sorrentino, Milani e i D’Innocenzo. Tutti i premi dei Nastri d’Argento 2018

Qualche scontento, qualche sconfitto, un solo rumoroso protagonista: i Nastri D’Argento 2018 (premi annuali assegnati dal Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani nel giugno di ogni anno) hanno visto gli iscritti al SNGCI votare in massa per un unico asso pigliatutto. Ad uscire con la corona d’alloro è infatti Dogman di Matteo Garrone, film tra i più acclamati della scorsa primavera, già premiato a Cannes e ora insignito di otto tra i premi più importanti: film, regia, produzione, attore (i due protagonisti, ex-aequo), scenografia, montaggio e casting. L’autentico vincitore di un’edizione ricca come non mai di concorrenti appetibili, e inevitabilmente di qualche delusione.

nastri d'argento

“Solo” premi attoriali per Loro 1 e 2. Superato su tutta la linea da Garrone, Sorrentino si consola  con l’assegnazione di Nastri d’Argento all’attrice (Elena Sofia Ricci) ed i non-protagonisti (Scamarcio e Smutniak). Addirittura delusione per Luca Guadagnino, che fedele alla propria nomea di snobbato in patria raccoglie solo un ex-aequo al montaggio. Vince invece il premio alla Commedia (categoria a parte) Come un Gatto in Tangenziale di Riccardo Milani, che vede premiati i sue due protagonisti anche nelle apposite categorie riservate ai film leggeri. Premiati anche i fratelli D’Innocenzo, con un anticipatissimo Miglior Opera Prima per La Terra dell’Abbastanza.

Di seguito la lista completa dei Nastri D’Argento 2018. Premi tecnici scelti con cura anche per Luciano Ligabue, Ozpetek e A Ciambra. Snobbato Ammore e Malavita, che sconta forse un grande successo ai “rivali” David. Annunciati invece un mese fa i vari premi speciali della celebrazione.

Tutti i Nastri d’Argento consegnati oggi a Taormina:

MIGLIOR FILM: DOGMAN – Matteo Garrone

REGIA: Matteo Garrone – DOGMAN

MIGLIOR REGISTA ESORDIENTE: Fabio D’Innocenzo, Damiano D’Innocenzo – LA TERRA DELL’ABBASTANZA

PRODUTTORE: ARCHIMEDE e RAI CINEMA –(Matteo Garrone e Paolo Del Brocco) – DOGMAN

SOGGETTO: MADE IN ITALY – Luciano Ligabue

SCENEGGIATURA: LORO – Paolo Sorrentino, Umberto Contarello

MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA: Marcello Fonte – Edoardo Pesce – DOGMAN

MIGLIORE ATTRICE PROTAGONISTA: Elena Sofia Ricci – LORO

MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA: Riccardo Scamarcio – LORO

MIGLIORE ATTRICE NON PROTAGONISTA: Kasia Smutniak – LORO

MIGLIORE COMMEDIA: Riccardo Milani – COME UN GATTO IN TANGENZIALE

MIGLIOR ATTORE COMMEDIA: Antonio Albanese – COME UN GATTO IN TANGENZIALE

MIGLIORE ATTRICE COMMEDIA: Paola Cortellesi – COME UN GATTO IN TANGENZIALE

FOTOGRAFIA: Gian Filippo Corticelli – NAPOLI VELATA

SCENOGRAFIA: Dimitri Capuani – DOGMAN

COSTUMI: Nicoletta Taranta – AGADAH, A CIAMBRA

MONTAGGIO: ex aequo Walter Fasano – CHIAMAMI COL TUO NOME; Marco Spoletini – DOGMAN

SONORO in PRESA DIRETTA: Maricetta Lombardo – DOGMAN, L’INTRUSA

COLONNA SONORA: Pivio e Aldo De Scalzi – AMMORE E MALAVITA 

CANZONE ORIGINALE: BANG BANG  Musica di Pivio & Aldo De Scalzi – liriche di Nelson interpretata da Serena Rossi, Franco Ricciardi, Giampaolo Morelli – AMMORE E MALAVITA