Zoolander 2, Benedict Cumberbatch: “Oggi non accetterei quel ruolo”

Parlando con Variety, Benedict Cumberbatch ha rivelato come oggi non accetterebbe più il ruolo di All in Zoolander 2

zoolander 2
Condividi l'articolo

In Zoolander 2, film scritto, diretto ed interpretato da Ben Stiller, Benedict Cumberbatch interpreta un personaggio di genere non binario chiamato All. Ovviamente era recitato in mostro estremamente esagerato e a tratti macchiettistico, come tutto il film del resto. Tuttavia la scela di casting scatenò enormi polemiche, cosa che portò il film a ottenere un pessimo risultato al box office. Parlando con Variety, l’attore britannico ha spiegato che oggi non avrebbe accettato quel ruolo.

C’erano molte polemiche attorno a quell ruolo, comprensibilmente – ha detto Cumberbatch. E penso che in quest’epoca il mio ruolo non sarebbe mai stato interpretato da nessun altro che non fosse un attore trans. Ma ricordo che all’epoca non ci pensavo necessariamente a questo proposito, anche perché aveva come protagonisti questi due “dinosauri”, due cliché eteronormativi che non comprendevano questo nuovo mondo diversificato. Mi si è ritorto un po’ contro. Ma è stato bello conoscerti in quel breve momento [parlando con Penelope Cruz, anche lei presente all’intervista ndr] e lavorare con Ben [Stiller] e Owen [Wilson]

Dopo che il trailer di Zoolander 2 ha rivelato che Cumberbatch stava interpretando una modella non binaria, il film è diventato immediatamente oggetto di polemiche. Gli attivisti LGBTQ hanno esortato gli spettatori a non vedere il film a causa del casting dell’attore britannico, con una petizione online che chiedeva un boicottaggio del film che aveva guadagnato 25.000 firme.

LEGGI ANCHE:  Il Potere del Cane Cumberbatch ha offeso Plemons per utilizzare il metodo

Il personaggio di Cumberbatch è chiaramente descritto come una presa in giro esagerata e da cartone animato di individui androgini/trans/non binari –  affermava la petizione. Questo è l’equivalente moderno dell’uso di Blackface per rappresentare una minoranza. Se i produttori avessero voluto fornire un commento sociale sulla presenza di individui trans/androgini nell’industria della moda, avrebbero potuto avvicinarsi a modelli come Andreja Pejic per partecipare al film. Assumendo un attore cis per interpretare un individuo non binario in modo chiaramente negativo, il film sostiene le percezioni dannose e pericolose della comunità queer in generale

Cosa ne pensate?