Garfield e Maguire si sono intrufolati al cinema per vedere No Way Home

Andrew Garfield ha raccontato come lui e Tobey Maguire si siano intrufolati di nascosto in un cinema per guardare Spider-Man: No Way Home

andrew garfield, tobey maguire, no way home
Condividi l'articolo

Andrew Garfield ha ricevuto il Desert Palm Achievement per la sua splendida performance in Tick, Tick… Boom! Per l’occasione è stato intervistato da Entertainment Tonight alla quale ha raccontato come lui e Tobey Maguire si siano intrufolati insieme in un cinema per vedere Spider-Man: No Way Home. Vi ricorderete infatti come la prima del film sia stata il 13 dicembre. Tuttavia i due attori non hanno potuto partecipare in quanto la loro presenza nel cast è rimasta segreta fino all’ultimo secondo. Ecco perchè i due hanno deciso di prendere questa strada alternativa.

Non riesco ancora a credere che sia successo – ha raccontato Garfield. Mi sono intrufolato in un cinema la sera dell’inaugurazione e ho semplicemente guardato il film con il mio cappellino da baseball e la mia mascherina. Ero con Tobey, io e Tobey siamo entrati di nascosto in un cinema insieme e nessuno sapeva che fossimo lì. Era solo una cosa davvero bella da condividere insieme. Così come è bellissima la fratellanza creata con Tobey, e con Tom, e il fatto che condividiamo un’esperienza davvero unica

Andando avanti con l’intervista Garfield ha poi parlato di come è nata l’idea del ritorno suo e di Maguire.

LEGGI ANCHE:  Spider-Man: No Way Home, anche il Daredevil di Cox nel trailer? [FOTO]

Prima di tutto, sono un fan, quindi quando Amy Pascal, Kevin Feige e John Watts hanno chiesto di parlare con me e mi hanno parlato di quest’idea, e l’hanno lanciata, è stato come se fossi i fan tra il pubblico, guardando sullo schermo per la prima volta i tre Spider-Men attraverso gli universi che condividono una cornice insieme. E la mia testolina, esplode. Quindi, questa è la cosa principale che sento al riguardo al momento

E poi, il fatto che io possa essere una di quelle persone che indossano l’abito accanto al mio vero eroe, lo Spider-Man di Tobey Maguire, e al brillante, incredibilmente talentuoso, sincero, divertente, buono, dolce, perfetto Spider-Man di Tom Holland, e io sono il fratello di mezzo, in soggezione per mio fratello maggiore e desideroso di proteggere il mio fratello minore. Inoltre, c’è qualcosa di spirituale che è successo e accade, e che stavamo esplorando nel film, con l’archetipo del personaggio che è solo, isolato, ed è un’importante aspetto secondo i termini canonici di Spider-Man, per come la vedo io.

Cosa ne pensate?

LEGGI ANCHE:  Spider-Man: il doppiatore spagnolo conferma il ritorno di Tobey Maguire