La Turchia attacca Zerocalcare: nella serie c’è la bandiera del PKK/YPG

In Turchia hanno criticato la serie Strappare Lungo i Bordi di Zerocalcare in quanto presenta al suo interno la bandiera del PKK

strappare lungo i bordi, zerocalcare
Condividi l'articolo

Strappare Lungo i Bordi, serie Netflx di Zerocalcare, è uno dei fenomeni del momento. Lo show sta ottenendo un enorme successo nel nostro Paese dove si è piazzata al primo posto lo scorso weekend e sta ottenendo anche una grande risonanza all’estero. In particolare stanno facendo molto discutere le parole provenienti dalla Turchia ed in particolare dal sito di informazione Sabah che ha alzato un enorme polverone contro il fumettista romano. In diverse scene infatti della serie si vede la bandiera del PKK, Partito dei Lavoratori del Kurdistan, considerato dal governo turco alla stregua di un’organizzazione terroristica. Nel paese del presidente Erdoğan questa scelta artistica di Zerocalcare rappresenterebbe uno scandalo.

Scandalo dopo scandalo su Netflix – ha scritto la testata turca Sabah  (traduzione di Open)– Nella serie animata Strappare lungo i bordi si è vista la bandiera dell’organizzazione terroristica Pkk, appesa alla porta e al muro

Quello che riguarda la situazione curda è da sempre un topic molto snetito da parte del fumettista romano. Su questo tema ha anche scritto un’opera, Kobane Calling, graphic novel del 2015 nella quale racconta il suo viaggio fatto tra la Turchia e la Siria a pochi chilometri dalla città assediata di Kobanê, tra i difensori curdi  del Rojava, opposti alle forze dello Stato Islamico.

LEGGI ANCHE:  Zerocalcare tira le somme del 2020 nell'ultimo esilarante video dell'anno

Oltre a questa polemica di natura politica, Strappare Lungo i Bordi sta ricevendo anche diverse critiche relative al dialetto utilizzato. Michele Rech infatti, nome all’anagrafe di Zerocalcare, è romano e racconta la sua storia utilizzando un forte dialetto della sua città. Questo per alcuni è stato motivo di critica in quanto ha reso la serie incomprensibile a molti. L’artista ha comunqe risposto a modo suo in modo diretto e conciso su Twitter (qui i dettagli).

Cosa ne pensate di questa polemica possa dalla Turchia nei confronti di Zerocalcare? Diteci la vostra.