LOL, Luca Ravenna: “È stato un incubo, la sera prima mi sono ubriacato”

Parlando con Il Tempo, Luca Ravenna ha parlato della sua esperienza allo show comico LOL - Chi ride è fuori, definendola un incubo

lol, luca ravenna
Condividi l'articolo

Luca Ravenna è stato uno dei concorrenti di LOL – Chi ride è fuori, apprezzatissimo show di Amazon Prime Video. Tuttavia il comico milanese non ha avuto molta fortuna nella competizione, essendo stato il primo eliminato. Parlando con Il tempo, il giovane ha parlato della sua esperienza.

Un incubo: quando sono salito sul palco sono stati i cinque minuti più tosti che io abbia mai fatto – racconta. Fare il comico davanti a dieci comici che non devono ridere penso sia un incubo per tutti, ma è stato comunque bellissimo affrontare questa sfida. Credo mi abbiano scelto proprio perché gli altri pezzi da novanta presenti potessero pensare al mio arrivo: e questo chi è? Comunque, la sera prima di entrare mi sono ubriacato.

Andando avanti con l’intervista, Ravenna ha anche svelato di vedere bene Christian De Sica nella prossima edizione:

Chiamerei Christian De Sica perché trovo che sia un grandissimo attore che tra cinema e palco ne ha viste davvero di tutti i colori. Penso che sia molto difficile resistere ad una sua battuta

Nel frattempo Amazon Prime ha confermato Fedez e Mara Maionchi come giudici anche per la seconda edizione di LOL – Chi ride è fuori. La coppia avrà il compito di controllare che i comici in gara effettivamente riescano a non ridere mai durante tutta la competizione. Il loro lavoro è stato molto apprezzato da praticamente tutti gli spettatori dello show. Tuttavia, subito dopo la fine della prima stagione, Pio e Amedeo hanno rivelato di essere stati contattati sia per competere nella competizione che per condurla ma di aver deciso di rifiutare.

LEGGI ANCHE:  LOL - Chi ride è fuori: Il nuovo comedy show Prime Video raccontato dai protagonisti

Ti diamo lo scoop: ci avevano chiesto di condurlo ma non potevamo – avevano detto i due a Libero. Come concorrenti non accetteremmo: è un format bellissimo ma pur sempre un format. Ormai abbiamo troppa ‘libertà’, sarebbe un passo indietro.

Cosa ne pensate di queste parole di Luca Ravenna?