The Wolf of Wall Street, Suplee: “Ho spiegato come tirare cocaina dal culo”

Ethan Suplee ha raccontato di quando, sul set di The Wolf of Wall Street, dovette spiegare come tirare cocaina dall'ano di una ragazza

the wolf of wall street
Condividi l'articolo

In The Wolf of Wall Street, film di Martin Scorsese del 2013, una delle scene più iconiche è sicuramente quella nella quale il protagonista interpretato da Leonardo DiCaprio, assume cocaina direttamente dall’ano di una modella. Non una scena banale da girare, tant’è che la produzione si affidò ai consigli di Ethan Suplee, attore a lungo nel vortice della dipendenza che ha partecipato al film. A rivelarlo è stato lui stesso durante un’intervita al podcast Inside Of You.

Stavamo filmando due cose diverse e io e gli altri ragazzi, i broker, eravamo in pausa quando poi ho ricevuto una chiamata del tipo: “C’è bisogno di te su quel set chiuso, nessuno può entrare su questo set” – racconta Suplee. Ed io ero come: “C’è bisogno di me? Per cosa?”. Sono entrato e qualcuno mi ha detto: “Non riusciamo a capire come tirare la cocaina su per l’ano. Puoi aiutarci? Abbiamo sentito che potresti aiutarci. Ed io: “Farò del mio meglio!”

A questo punto il presentatore del podcast, Michael Rosenbaum, si è incusiorito, entrando nello specifico della questione.

LEGGI ANCHE:  The Wolf of Wall Street: DiCaprio improvvisò una delle scene più iconiche

Michael Rosenbaum: Voglio dire, come si fa? È quasi come succhiare una scoreggia o aspirare aria dal tuo buco del culo?

ES: La carichi in una cannuccia e fai pressione su un’estremità della cannuccia e la cocaina esce dall’altra estremità della cannuccia.

MR: Quindi li hai aiutati!

ES: Li ho aiutati ma sto solo dicendo che ero la persona sul set che viene chiamata per queste cose: “Chi può aiutarci? Ethan sa

MR: È allora che avresti dovuto sapere: “Devo rimettermi in sesto. Ho toccato il fondo”.

ES: In quel momento ero sobrio da quasi dieci anni ma alcune persone mi avevano conosciuto prima e mi hanno detto: «Lui sa come fare questo, chiamatelo!”

Conoscevate questo aneddoto riguardante The Wolf of Wall Street ed Ethan Suplee?