C’era una volta a Hollywood, la scena preferita di Tarantino è stata tagliata

Parlando con ReelBlend, Quentin Tarantino ha rivelato che la sua scena preferita di C'era una volta a Hollywood è stata tagliata

c'era una volta a hollywood
Condividi l'articolo

Quentin Tarantino, intervistato da ReelBlend, è tornato a parlare del suo ultimo film, C’era una volta a Hollywood, rivelando coem la sua scena preferita sia stata tagliata.

Si tratta un’emozionante conversazione telefonica tra Rick Dalton ( Leonardo DiCaprio ) e l’attrice bambina Trudi Fraser (Julie Butters).

Quella era la mia scena preferita nella sceneggiatura. Quindi l’idea che non sarebbe stata nel film era incomprensibile – ha detto Tarantino. Penso che sia stata probabilmente la scena preferita di Leo tra quelle che ha girato. Eravamo in lacrime. È stata l’unica volta. Ho avuto gli occhi annebbiati ogni tanto quando stavo girando questa scena. Julia [Butters] piangeva ogni volta che finivamo ogni ciak.

Il motivo per cui non è nel film è duplice. Sembra la fine del film. Il che in realtà andava bene nella sceneggiatura, perché nella avevo considerato tutto ciò che accade a febbraio come parte di una struttura in tre atti. E poi le cose che accadono la notte dell’omicidio come epilogo. Ma quello era il modo sbagliato di pensarci. Una volta che abbiamo iniziato a mettere insieme il film, le cose che accadono ad agosto non sono un epilogo. È il terzo atto. Dobbiamo vederla in questo modo.

Quando abbiamo davvero lavorato sul montaggio siamo resi conto che dopo Spahn Ranch termina la sezione di febbraio. Non c’è ritorno da questo. Questa è la fine. E ora non possiamo farla finita con lo Spahn Ranch. Quindi l’idea è che, dopo lo Spahn Ranch, dobbiamo concludere febbraio il prima possibile. E poi una volta che lo facciamo, allora andiamo ad agosto

Il produttore di David Heyman ha  detto a IndieWire che la Butters avrebbe ottenuto una nomination all’Oscar come migliore attrice non protagonista se Tarantino avesse lasciato questa scena nel taglio finale. La conversazione telefonica è comunque presente nel romanzo dedicato a C’era una volta a Hollywood, arrivato da poco nelle librerie.

LEGGI ANCHE:  Mani in alto o sparo! - 11 film sulle rapine