10 Curiosità su Io sono Leggenda, il film con Will Smith

Tratto dal romanzo breve di Richard Matheson, Io Sono Leggenda è un film che racconta gli esiti devastanti di una pandemia e dell'unico sopravvissuto ad essa

Io sono leggenda
Will Smith è Robert Neville in Io Sono Leggenda
Condividi l'articolo

Stasera alle 21.04 su Canale 20 andrà in onda il film con Will Smith Io Sono Leggenda, in cui l’attore – che attualmente è impegnato a prendersi cura di sé dopo la quarantena – interpreta l’ultimo sopravvissuto in una terra desolata.

Un virus, infatti, ha trasformato la maggior parte degli esseri umani in creature della notte, simili a vampiri, che escono di casa quando cala il sole.

Da questa pandemia il protagonista ne è uscito quasi del tutto illeso fisicamente, ma il lungo periodo di isolamento, in compagnia solo di un pastore tedesco di nome Sam, comincia a mostrare la propria presa sui nervi dell’uomo.

Di seguito vi lasciamo una lista di curiosità su Io sono leggenda che (forse) non conoscete sul film liberamente ispirato al romanzo breve di Richard Matheson.

Un sequel mai realizzato

Secondo lo sceneggiatore Akiva Goldsman, esisteva un piano per la realizzazione di un sequel di Io Sono Leggenda e anche un prequel. Tuttavia il progetto non vide mai la luce.

LEGGI ANCHE:  Buona Pasqua con 20+1 Easter Eggs

L’ispirazione di Io Sono Leggenda: Il pianista

Quando si trovava nella fase di pre-produzione, il regista Francis Lawrence si trovò nella condizione di vedere Il Pianista, di Roman Polanski, senza suono per non correre il rischio di svegliare il figlio appena nato. Il regista trovò il silenzio così commovente che decise di usare una tecnica simile per Io sono leggenda: a farla da padrone, infatti, è un silenzio quasi assoluto, con effetti ambientali e sonori molto limitati.

Will Smith e Abbey

Durante la lavorazione del film, Will Smith si innamorò così tanto della sua collega canina, Abbey, da decidere di adottarla alla fine delle riprese. Tuttavia l’attore ricevette un’amara sorpresa quando l’addestratore di Abbey rifiutò di separarsi da lei.

Il dialogo coi detenuti

Per prepararsi meglio al ruolo che avrebbe dovuto interpretare in Io sono Leggenda, Will Smith ebbe molte conversazioni con ex detenuti che potessero spiegargli le conseguenze e le sensazioni legate al dover passare del tempo in completa solitudine. I carcerati dissero a Will Smith che l’unico, vero modo per evitare di impazzire all’isolamento era creare una routine rigida. Che è quello che Robert Neville, il protagonista del film, fa sullo schermo.

LEGGI ANCHE:  Scadenze Netflix, ecco i titoli che verranno rimossi ad aprile 2019

Lo spostamento di Fred

Nella scena in cui Robert Neville vede il manichino che chiama Fred fuori, in strada, sembra quasi che il manichino si muova appena. Questo perché durante questa scena specifica, il manichino venne sostituito da un mimo. L’idea di Francis Lawrence, il regista, era quello di creare una sorta di effetto di straniamento nella mente di chi guardava il film.