Fedez difende Malika, cacciata di casa perché lesbica

Fedez dice la sua sulla delicata faccenda

Fedez
Fedez nel video "Holding out for You" feat. Zara Larsson. Credits: FedezChanneL / YouTube
Condividi l'articolo

Fedez si esprime su uno dei casi di questi giorni

Avrete sentito anche voi la tremenda storia di Malika, cacciata di casa e rifiutata dalla propria famiglia perché “colpevole” di essere lesbica. Sulla questione si sta molto dibattendo e Fedez, più popolare che mai dopo LOL – Chi ride è fuori, ha deciso di intervenire. Nel farlo non risparmia una stoccata al suo vecchio “nemico”, Simone Pillon.

“Mi avete inviato in tanti la terribile e assurda storia di Malika. Non posso immaginare cosa significhi sentirsi dire certe parole da voltastomaco da parte di un genitore che ti ha messo al mondo”, esordice il rapper. E prosegue chiamando in causa il senatore leghista Simone Pillon, con il quale ha avuto a che dire nei giorni scorsi per via della legge Zan.

“I vari Pillon, associazioni cattolico-estremiste, antiabortisti ci tengono sempre a ricordarci che amare una persona dello stesso sesso sia contronatura e quindi non meritevole di pari diritti rispetto alle persone da loro considerate normali. Io credo invece che quello che ho appena visto sia contronatura”.

LEGGI ANCHE:  Chiara Ferragni, il docufilm Netflix da 400 mila euro

“Il rifiuto di una figlia da parte di una mamma attaccata ad uno stigma sociale che purtroppo è ancora vivo perché estremamente attuale nella nostra società cosiddetta ‘civile’ e ancor più triste costantemente alimentato. Spero che i vari Pillon, Senatori e rappresentanti dello Stato vedano la storia di Malika“.

“La mia coscienza mi impone di aiutare questa ragazza anche solo per ricordarle che il mondo non è tutto così, che là fuori non è tutto una merda. Un abbraccio Malika“, conclude il rapper. La vicenda seguita a far discutere e sempre più commentatori stanno entrando a gamba tesa nel dibattito. Voi cosa ne pensate? Fatecelo sapere nei commenti.

Fonte: Corriere della Sera

Scrivo di musica, cultura, arte, spettacolo e cinema. Ho pubblicato su Cinergie, Digressioni, Radio Càos, Rock and Metal in My Blood.