Le 15 (+1) migliori canzoni di Caparezza [ASCOLTA]

Vista l'imminente uscita dell'album Exuvia, abbiamo deciso di ripercorrere la carriera di Caparezza, parlandovi delle sue 15 migliori canzoni

Caparezza
Credits: telecaparezza / YouTube
Condividi l'articolo

Michele Salvemini, in arte Caparezza, è uno dei più apprezzati cantautori del panorama nazionale. Visto il suo imminente ritorno col nuovo album Exuvia (qui il primo omonimo singolo), abbiamo deciso di ripercorrere la sua carriera parlandovi di quelli che, a nostro parere, sono i 15 migliori brani mai partoriti dalla mente geniale del cantante pugliese. Si tratta di una classifica di carattere personale, nata dopo una serrata discussione tra i i membri della redazione.

Dunque non sarà possibile che i nostri gusti coincidano perfettamente con i vostri. Tuttavia non abbiamo lasciato tutto al caso, anzi. Abbiamo cercato di utilizzare dei criteri oggettivi in modo tale da abbracciare tutta la carriera del rapper.

Le 15 migliori canzoni di Caparezza, i Criteri

Caparezza live
-Credits: Caparezza / pixael.com / Giuseppe Milo

Ovviamente raccontare in soli 15 canzoni tutta la poetica e la filosofia che sta dietro alla musica di un cantante come Caparezza non è impresa facile e il rischio è sempre quello di lasciare fuori qualche pezzo importante.

Abbiamo dunque deciso di seguire un’idea di fondo: raccontare tutta la carriera del rapper pugliese avendo un numero più o meno uguale di canzoni prese da tutti i 7 album usciti fino ad oggi. Gioco forza qualche CD particolarmente significativo vedrà alcuni brani lasciati fuori per fare spazio ad alcuni pezzi magari meno noti ma che meritano un posto in classifica.

Dunque non tutti i brani meritevoli sono finiti in questa lista, ma solamente quelli che, a parere nostro, possono mostrare fulgidamente l’evoluzione della musica di Caparezza, dall’esordio con ?! nel 2000 fino al suo ultimo lavoro pubblicato, Prisoner 709 nel 2017.

Fatte questa rapida, ma doverosa premessa, iniziamo.

15) La Gente Originale – ?!

In questo che è il suo album d’esordio, Caparezza mette subito in chiaro quale sia la sua visione del mondo e della società. In questo brano, in particolare, descrive in modo ironico e tagliente la società fasulla nella quale lui sente di vivere. Nel mondo da lui descritto le persone veramente alternative sono quelle fedeli a sé stesse, senza bisogno di drogarsi o farsi tatuaggi enormi per assomigliare a un ideale di società fittizio.

Questo non m’ascolta, prevedibile!
Il cervello dell’utente da me chiamato non é al momento raggiungibile:
è con te che parlo o con il tuo fac-simile?
Chatta pure, perché parlare é più difficile.

Questo La Gente Originale si merita sicuramente un posto nella nostra classifica poiché nel brano il rapper pugliese mette in mostra fin da subito tutte le sue qualità nella creazione di rime e giochi intricati di parole senza allontanarsi mai da quello che è il suo obiettivo prefissato: raccontare la società per come lui la vede. Si nota perfettamente come in questa prima fase di carriera le sue canzoni siano basate più sulle differenze tra lui e gli altri che vede nel suo microcosmo personale. Caparezza cita infatti in questo brano la sua città Molfetta indicandoci la sua intenzione di raccontare primariamente sé stesso. Solo dopo qualche anno si dedicherà invece, come vedremo, alle taglienti critiche allargate a Stato e Politica che l’hanno reso celebre.

LEGGI ANCHE:  Caparezza - Museica | RECENSIONE

14) La Caduta di Atlante, Prisoner 709

Connubio perfetto tra cultura, critica sociale e musica, questo La Caduta di Atlante è uno dei apici dell’espressività di Caparezza. Il rapper pugliese racconta infatti la storia fittizia dell’amore non corrisposto tra Atlante, che sostiene il peso del mondo sulle spalle e Dike, dea della giustizia. Quest’ultima rifiuta le avances del primo che, in un raptus, la uccide strozzandola.

Tutto il brano è ovviamente una metafora del fatto che la giustizia abbia abbandonato la Terra da oramai molto tempo e che dunque questa non voglia più avere niente a che fare col nostro pianeta.

A me interessa poco il tuo pianeta bello e vandalo
Piuttosto mi do fuoco, sto più lieta dentro il Tartaro!

Davvero rimarchevole inoltre come Caparezza dia ad Atlante il carattere di un tipo di persona che evidentemente non apprezza, di quelle che approcciano in modo quasi violento, beccandosi in risposta un immancabile due di picche.

Lascio ogni ragazza, con questo mio corpo, afona
E tu sarai mia, ti voglio addosso, canfora
Posso darti il mondo, il mondo, non la metafora”Disse: “Non sono di nessuno, nemmeno di Ulisse.

E sono chiara e ferma come le stelle più fisse
Usi la forza e la ricchezza per le tue conquiste?
Non sei più forte né più ricco, sei solo più triste

Una vera perla, frutto di un artista ormai perfettamente consapevole dei suoi mezzi. Sentire per credere.

13) La Mia Parte Intollerante, Habemus Capa

In questo brano Caparezza tocca, col suo modo di fare sempre geniale, un argomento duro e complesso: il bullismo a scuola. Il rapper pugliese si immedesima in un bambino adolescente, preso di mira dai propri compagni perché i suoi interessi sono molto distanti da quelli che sono lo standard per quell’età.

Non vivo di pallone,

non parlo di figone,

non indosso vesti buone,

quindi sono fuori da ogni discussione.

Inoltre, proseguendo nella sua narrativa, Salvemini descrive anche quella che può essere una delle tante conseguenze di un bullismo incontrollato: l’esplosione di violenza. Nel brano infatti si racconta di come il giovane ragazzo bullizzato esplode finendo per attaccare i suoi aguzzini e di come questa cellula di violenza instillata a scuola resti con le persone per tutta la vita.

Però chi è mansueto come me sa che quando le palle si fanno cubiche,
come un kamikaze che si fa di sakè metto a fuoco intorno a me.

/

Io sono molto calmo ma nella mente
ho un virus latente incline ad azioni violente

Infine Caparezza torna a parlare di lui nell’ultima strofa. Dando forza alla sua lotta per i diritti degli omosessuali e facendo un appello ai professore e quindi al sistema scuola nel suo complesso. Esemplificativo di quest’ultima sfumatura della canzone è il video ufficiale, nel quale il cantante gira per la città rinchiuso in una gabbia, quella di una società che ha limitazioni e misure nelle quali lui evidentemente non si rispecchia e non riesce ad accettare.

LEGGI ANCHE:  Caparezza: svelata la tracklist di Exuvia [FOTO]

12) Il Dito Medio di Galileo, Il Sogno Eretico

Per lanciare il suo solito tagliente messaggio, questa volta Caparezza scomoda una delle menti più brillanti di sempre, Galileo Galilei, genio che dimostrò la sfericità della Terra ma che dovette abiurare a causa dell’opposizione della Chiesa.

Il rapper pugliese pone lo scienziato come punto di confine tra coloro che si informano e coloro che, belando, seguono i dettami imposti senza porsi domande. Ovviamente questa enorme metafora serve a criticare la tendenza della società moderna di adeguarsi al pensiero medio senza sviluppare la propria criticità rispetto a ciò che succede intorno a sé.

Anche il fatto che di Galileo Caparezza prenda come riferimento il dito medio ha due interpretazioni. La prima, quella più palese è il gesto di mandare a quel paese tutti coloro che non si fidano della scienza. La seconda è, visto come questa parte del corpo viene utilizzata, crea dolore. Questo poiché la conoscenza e la consapevolezza può far male, ma è necessaria.

Geniale anche il paragone finale con Gesù, nessun dubbio a proposito.

11) La Legge dell’Ortica, Verità Supposte

Di tutti gli album della carriera di Caparezza, Verità Supposte è sicuramente quello nel quale il rapper pugliese si leva più sassolini dalle scarpe. Nell’arco delle canzoni che compongono il disco, il cantante ne ha davvero per tutti. In questa La Legge dell’Ortica, l’obiettivo delle sue critiche sono i cantanti che formano il panorama musicale moderno.

Caparezza critica l’uso smodato delle solite tematiche abusate che si riducono sempre in scialbe poesie d’amore e che lui ritiene oramai banali e vetuste. D’altra parte lui si pone invece come baluardo di una musica sincera che non si interessa degli effetti che le parole possono avere sugli ascoltatori ma che vuole solamente mandare un messaggio, il suo Messaggio.

Per carità, molto meglio le banalità, parlare di emozioni, questo è il motto.

Della poesia me ne fotto, io stesso sono nato per un condom che si è rotto…

Ovviamente non ci sono riferimenti diretti o frecciate all’indirizzo di qualcuno. Michele Salvemini col su solito stile caustico vuole solamente mettere alla berlina l’omologazione, la retorica e il bigottismo degli artisti attuali che non vogliono pungersi con le critiche del pubblico. Mentre lui beh, lui segue la Legge dell’Ortica.

1
2
3
In teoria sono un giornalista. In pratica scrivo di cose belle su un sito bellissimo. Perchè dai, nessuno è più fico della Scimmia.