Caparezza – Eroe: testo e significato della canzone [VIDEO]

Eroe
Credits: telecaparezza / YouTube
Condividi l'articolo

La storia di un lavoratore come tanti, con le sue ambizioni e le sue responsabilità: questa per Caparezza è davvero la storia di un Eroe. Riscopriamola in questa profonda canzone del 2008

Luigi delle Bicocche è, nella poetica di Caparezza, un vero “Eroe”. Perché? Perché si tratta di un lavoratore come tanti altri, un muratore per la precisione. Un manovale, che ogni giorno s’impegna nel suo mestiere con umiltà e per la sua famiglia, senza pretendere per sé gloria né pregio e senza aspettarsi di diventare ricco e famoso, né cedere ad ogni lusinga della corruzione e del potere.

Il personaggio è inserito nel concept album Le Dimensioni del Mio Caos (2008), ispirato dal quarantennale delle proteste del ’68. Nel disco Caparezza ragiona su come gli ideali di onestà e libertà per cui un tempo si lottava siano stati soffocati dalla modernità e dall’ignoranza, e Luigi, l’Eroe che entra in scena a fine disco, ne rappresenta una pallida ma pur sempre fiera e salda memoria.

LEGGI ANCHE:  Caparezza e la metafora del cambiamento nella città fantasma ucraina di Pripyat [VIDEO]

Piacere, Luigi delle Bicocche
Sotto il sole faccio il muratore e mi spacco le nocche
Da giovane il mio mito era l’attore Dennis Hopper
Che in Easy Rider girava il mondo a bordo di un chopper
Invece io passo la notte in un bar karaoke
Se vuoi, mi trovi lì, tentato dal videopoker
Ma il conto langue e quella macchina vuole il mio sangue
Un soggetto perfetto per Bram Stoker
Tu che ne sai della vita degli operai?
Io stringo sulle spese e goodbye macellai
Non ho salvadanai da sceicco del Dubai
E mi verrebbe da devolvere l’otto per mille a SNAI
Io sono il pane per gli usurai, ma li respingo
Non faccio l’Al Pacino, non mi faccio di pachinko
Non gratto, non vinco, non trinco, nelle sale bingo
Man mano mi convinco
che…”

Come sempre nei suoi testi Capa si destreggia tra rime argute con citazioni dalla cultura alta a quella bassa o trash, passando da cinema della New Hollywood (Easy Rider) alla letteratura gotica (Dracula) nel definire nella prima strofa come l’Eroe, Luigi, deve campare con poco eppure resistendo alla tentazione di darsi alle scommesse o di abbandonarsi all’alcol. Già questo, per lui, è coraggio.

LEGGI ANCHE:  Exuvia di Caparezza è attualmente l'album più venduto in Italia [FOTO]

Io sono un eroe perché lotto tutte le ore
Sono un eroe perché combatto per la pensione
Sono un eroe perché proteggo i miei cari
Dalle mani dei sicari, dei cravattari
Sono un eroe perché sopravvivo al mestiere
Sono un eroe, straordinario tutte le sere
Sono un eroe e te lo faccio vedere
Ti mostrerò cosa so fare col mio super potere

Continua a pagina 2