Warner Bros. contrattacca alle critiche di Nolan al servizio streaming

Dopo che Christopher Nolan ha emesso il suo giudizio (negativo) sulle uscite dei film su HBO, Warner Bros è passata al contrattacco

Warner Bros
Warner Bros. risponde alle critiche di Christopher Nolan sulle uscite in streaming
Condividi l'articolo

Come vi avevamo già raccontato in un articolo, il regista Christopher Nolan aveva attaccato duramente la scelta della Warner Bros. di far uscire i film sulla piattaforma HBO Max, in contemporanea con l’uscita al cinema.

Il regista della trilogia de Il Cavaliere Oscuro era arrivato anche a definire il servizio come il peggior servizio streaming esistente, sottolineando come, alla Warner, avessero preso decisioni senza contattare nessuno.

Christopher Nolan ha inoltre sottolineato di essere felice che il suo ultimo film, Tenet, non sia finito in questo marasma di “doppie uscite”.

A differenza di film come Wonder Woman 1984, infatti, Tenet ha fatto la sua tradizionale uscita nelle sale cinematografiche, senza passare per il doppio canale dello streaming. Come è noto, infatti, il regista ha spinto per uscire in sala.

Tuttavia l’attacco di Nolan alla gestione della Warner Bros. dei film in uscita non è rimasto senza risposta. Anzi.

A parlare è stata Ann Sarnoff, CEO di Warner Media, che ha fatto intendere, tra le righe, come proprio i bassi incassi di Tenet siano alla base della scelta di non escludere il servizio streaming. Ha detto:

LEGGI ANCHE:  Tenet: uscita rimandata anche in Italia, ecco la nuova Data [DATA]

Abbiamo analizzato l’inclinazione della gente ad andare al cinema in questa fase delicata. Gli Stati Uniti non sono pronti a riaprire le sale coinvolgendo attivamente il pubblico. Perciò abbiamo dovuto inventare una nuova strategia.

Una strategia, è giusto sottolineare, che riguarderà solo i titoli in uscita nel 2021, come Dune e Matrix 4. Mentre per il 2022 bisognerà vedere anche come cambierà la situazione mondiale.

I film in uscita nel 2021, dunque, saranno disponibili su HBO Max per 31 giorni dalla data di uscita, in modo da permettere la visione anche a coloro che non possono andare concretamente in sala.

Per altre news e aggiornamenti continuate a seguirci su LaScimmiaPensa.com