Tim Burton fu implorato di cambiare il Bau Bau perché razzista

Un retroscena poco piacevole sulla realizzazione di Nightmare Before Christmas emerge quasi trent'anni dopo

Tim Burton
Condividi l'articolo

Il personaggio del Bau Bau di Nightmare Before Christmas fu al centro di una polemica a sfondo razzista

Conosciamo tutti Nightmare Before Christmas, capolavoro di animazione del 1993 diretto da Henry Selick e prodotto da Tim Burton. Un po’ un punto fermo dello stile caratteristico di quest’ultimo, il film raccontava una sorta di favola natalizia in chiave horror/macabra, tra una parodia dei musical e una frecciata alla Disney.

Il film, diventato istantaneamente un classico grazie alla felice intuizione dell’idea di base e al lavoro superlativo nella realizzazione, è al centro oggi un aneddoto poco piacevole legato alla fase produttiva. Si tratta di una discussione avvenuta all’epoca tra la sceneggiatrice Caroline Thompson e lo stesso Tim Burton.

Al centro della polemica il personaggio di Oogie Boogie (reso in italiano come il folcloristico Bau Bau), il principale villain della storia e avversario del protagonista Jack Skeletron (Skellington in originale). La polemica riguarda, intuitivamente, la sua somiglianza con i membri del Ku-Klux-Klan.

LEGGI ANCHE:  I 10 film preferiti di Tim Burton

“Il personaggio del Bau Bau somiglia ad un klansman“, dice oggi la Thompson “Oogie Boogie è un termine derogatorio per riferirsi agli afro americani negli Stati Uniti del sud. Pregai chi decideva di cambiare qualcosa del personaggio, a causa di questo. Dissi: è così brutto e pericoloso e antitetico a tutto ciò che è dentro di me”.

“Non vinsi quella battaglia” spiega la sceneggiatrice e regista “Era una parte preoccupante del film per me, ad essere franchi”. Il personaggio aveva poi la voce di Ken Page, cioè un attore nero. Cosa che la Thompson considera “una tripletta dell’errore”. “Implorai veramente Tim [Burton] di ripensarci“.

Da parte sua il regista Selick ha dichiarato nel 2013: “Pensavo fosse più una cosa alla New Orleans. Non mi è venuto in mente che fosse razzista. La gente cerca disperatamente qualcosa da attaccare”. In effetti, il personaggio era inizialmente basato su un’apparizione di Cab Calloway in un cartone di Betty Boop.

LEGGI ANCHE:  La Famiglia Addams di Burton, i fan sognano Eva Green e Johnny Depp

Fonte: Independent

Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook ufficiale, La Scimmia Pensa, la Scimmia fa.