Forrest Gump, Tom Hanks pagò di tasca sua per alcune iconiche scene

Durante il podcast con Graham Bensinger, Tom Hanks ha ricordato di quando dovette pagare di tasca sua per girare alcune scene di Forrest Gump

forrest gump, tom hanks
Tom Hanks in un'iconica scena di Forrest Gump

Forrest Gump (qui 10 curiosità a tema), film del 1994 di Robert Zemeckis con protagonista uno strepitoso Tom Hanks è uno dei film più amati degli anni ’90. Tuttavia, alcuni dei momenti più iconici della pellicola, avrebbero potuto non esserci se non fosse intervenuto lo stesso attore.

A rivelarlo è stato Tom Hanks durante un podcast realizzato da Graham Bensinger, nel quale l’attore ha raccontato di aver pagato di tasca sua per la realizzazione di alcune scene. Tra queste la più iconica è sicuramente quella della corsa di Forrest attraverso gli States.

Zemeckis ha detto: “Bene, questa corsa costerà X dollari.” E non era economico. E ho detto “ok” . Ha detto: “Tu ed io ci divideremo quella cifra, e poi la restituiremo alla Paramount. Vi restituiremo i soldi, ma voi ragazzi dovrete dividere un po’ di più i profitti.

Lo studiò accettò la richiesta di Hanks che si trovò a guadagnare 65 milioni di dollari per quella singola interpretazione. Cifra che ha superato di gran lunga i 55 milioni di budget che furono stanziati per la creazione dell’intero film

Durante la stessa intervista, Tom Hanks ha raccontato di come gli fu difficile nei primi giorni di lavoro entrare per bene nel personaggio di Forrest Gump, tanto che Zemeckis lo prese da parte per spiegarli come non avrebbero utilizzato nulla delle prime giornate di lavoro.

Guarda, so cosa stai cercando di fare. So quanto sei nervoso e quanto può essere imbarazzante entrare nel ruolo – disse il regista a Hanks. Ma non useremo niente di questi primi tre giorni perché non credo che tu abbia capito. Non hai il carattere Non sforzarti così tanto.”

Hanks ha concluso spiegando che da quel momento in poi si sarebbe sistemato tutto e sarebbe riuscito a concludere la performance magistralmente.

Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook LaScimmiaPensa.com