Netflix rimuove la locandina di Cuties che ritrae bambine in pose provocanti

Netflix si è vista costretta a scusarsi a causa di una locandina giudicata inappropriata scelta per il film Cuties

cuties, netflix
Le 4 bambine protagoniste in un frame del film Cuties
Condividi l'articolo

Netflix è stata sommersa da molte polemiche negli ultimi giorni a causa della locandina scelta per il film Cuties (“Mignonnes” nell’originale francese). Quest’opera che ha vinto il premio come miglior regia all’ultimo Sundance Film Festival racconta la storia di un’undicenne franco-senegalese che si unisce ad un gruppo di danza all’oscuro della famiglia rigidamente musulmana.

View this post on Instagram

CUTIES: LA PROMOCIÓN DE NETFLIX QUE SEXUALIZA NENAS⠀ ⠀ El poster y texto promocional de Cuties, el nuevo producto disponible en el catálogo de Netflix, ha sido repudiado fervorosamente en redes por sexualizar a niñas de 11 años. ⠀ ⠀ Cuties -originalmente Mignonnes- fue escrita y dirigida por la cineasta franco-senegalesa Maïmouna Doucouré y ha recibido premios de importantes festivales de cine en 2017. Para su realización, Doucouré entrevistó durante un año a niñas participantes de concursos de talento y grupos de baile, y el mensaje de la película es justamente una crítica a la sexualización de esas niñas.⠀ ⠀ “Amy tiene 11 y quiere pertenecer al grupo de chicas de su edad que bailan sensualmente, entonces empieza a explorar la feminidad y desafiar a su familia religiosa”, decía el resumen argumental de la película. ⠀ Aunque parezca una chicana, ese es el texto que Netflix redactó para publicitar la ficción, con un enunciado que fomenta la cultura de la pedofilia y relaciona la búsqueda de feminidad de una nena con estar al servicio de un hombre.⠀ ⠀ A las pocas horas de que se haya desatado esta ola de repudios en las redes, Netflix decidió eliminar la promoción y pedir disculpas públicamente: “Lamentamos profundamente el diseño inapropiado usado por Cuties.”⠀ ⠀ Las disculpas de Netflix llegaron tarde, ya que tanto la puntuación de Cuties como de otras obras de Maïmouna Doucouré han decaído notoriamente por esta publicidad, que no coincide con la esencia del filme ni con el enfoque de la directora en sus creaciones.⠀ ⠀ #cuties #netflix #cutiesnetflix #sexualizacion #MaïmounaDoucouré

A post shared by 𝑀𝑖𝑠𝑠 𝑇𝑢𝑟𝑟𝑎 𝐹𝑖𝑛𝑎 (@missturrafina) on

Questa locandina scelta da Netflix è stata considerata una vera propria forma di sessualizzazione del corpo di ragazze pre-adolescenti. Le 4 bambine protagoniste infatti sono ritratte in abiti succinti e in pose considerata provocanti.

LEGGI ANCHE:  Paolo Sorrentino dirige un film per Netflix: "È stata la mano di Dio"

Molti utenti hanno fatto notare anche come la Locandina originale non avesse nessuno degli elementi che sono stati imputati a Netflix, cosa che ha maggiormente accresciuto l’indignazione generale.

A gettare benzina sul fuoco della vicenda si è aggiunta anche la descrizione scelta dal colosso dello streaming per il film che ha non ha fatto altro che aumentare ancor di più la portata della polemica.

Amy, undici anni, rimane affascinata da un gruppo di danza twerk. Nella speranza di unirsi a loro, comincia a esplorare la sua femminilità, sfidando le tradizioni della famiglia – aveva scritto Netflix nello spazio dedicato alla sinossi del film

La compagnia della grande N. (qui i nostri film consigliati) non ha potuto che scusarsi e rimuovere sia la locandina che la descrizione incriminata.

LEGGI ANCHE:  The Cloverfield Paradox: 5 milioni di views in 7 giorni su Netflix per il film

Siamo profondamente dispiaciuti per l’inadeguata grafica che abbiamo usato per Mignonnes/Cuties – scrive Netflix. Non andava bene, né era rappresentativo di questo film francese che ha vinto un premio al Sundance. Abbiamo ora aggiornato le immagini e la descrizione.

Cuties avrebbe dovuto uscire nei cinema francesi ad Aprile, salvo essere rimandato poi a causa Covid. È stato rilasciato in patria lo scorso 19 agosto e potremo vederlo su Netflix a partire dal prossimo 9 di settembre.

Cosa ne pensate di questa vicenda?

Continuate a seguirci su LaScimmiaPensa.com