Il cinema Drive-In più grande d’Europa aprirà ad Ostia

Il ritorno in sala ma in macchina. Ostia ospiterà il più grande drive-in del continente.

drive-in
Drive-in Cinema // Gurgaon - Immagine via insider.in

L’emergenza Covid, unita alla crisi della sala cinematografica, ha permesso il ritorno di un luogo ormai sempre più in disuso, quello del “cinema in macchina“. E per il momento, la medaglia d’oro per l’ambizione spetta ad Ostia, che aprirà il cinema drive-in più grande d’Europa.

Ben 450 posti auto di fronte ad uno schermo che permetteranno a molta gente di tornare a vedere un film fuori dalle mura di casa. Spetterà al nuovo film di Carlo Verdone inaugurare la stagione. La data fissata è quella del 4 luglio, giorno in cui si darà il via a Si Vive Una Volta Sola. Uno dei tanti film in cartello per l’inverno appena passato ma congelato causa Coronavirus.

Curiosità storica: negli anni ’60, periodo d’oro dei drive-in, il più grande d’Europa si trovava a pochi passi da Ostia, in quel di Casal Palocco. Ora spetterà al XX Municipio romano mantenere la tradizione in termini almeno quantitativi. E senza ovviamente disdegnare quelli qualitativi, soprattutto per i film in programmazione.

Il presidente di Cineland, Giuseppe Ciotoli, ha infatti fatto trasparire ai microfoni di Canale Dieci, un certo orgoglio per questa iniziativa. I film in cartello saranno moltissimi, dall’acclamato Joker fino alle più recenti produzioni hollywoodiane. E i costi saranno molto contenuti, solamente dieci euro a macchina. Non da meno, saranno disponibili posti in prima fila per motorini e biciclette, tutto secondo disposizioni di distanziamento sociale. Il cinema in totale sicurezza, grazie al drive-in.

Continua a seguirci su LaScimmiaPensa.com per altre news ed approfondimenti!

Lorenzo Pietroletti
Classe '89, laureato al DAMS di Roma e con una passione per tutto ciò che riguardi cinema, letteratura, musica e filosofia che provo a mettere nero su bianco ogni volta che posso. Provo a rendere la critica cinematografica accessibile a tutti, anche al "lattaio dell'Ohio".